News dall' Italia

Notizie, informazioni, curiosità, avvenimenti, fatti di cronaca dalla Calabria, dall'Italia e dal Mondo.

#AVVISO_AI_NAVIGANTI: Questo sito è il frutto del lavoro volontario e INDIPENDENTE di alcuni amici calabresi legati dall'AMORE per la propria terra la CALABRIA, e non è un sito di promozione turistica ufficiale della Regione Calabria nè tantomento patrocinato dalla stessa.

Calabria News

Immondizia, inchiesta e 'ndrangheta

Siamo a Varna, porto bulgaro sul mar Nero.
Qui approdano tonnellate e tonnellate di rifiuti italiani.
All'inizio dell'anno un'indagine della polizia bulgara ha portato alla scoperta e al sequestro di 9.000 tonnellate di rifiuti. È solo la punta dell'iceberg. Circa 30 containers sono stati rispediti a Salerno. Varna, stando all'inchiesta, costituisce solo la prima tappa per i container pieni di rifuti, che percorreranno l'intero Paese prima di essere o stoccati in diversi siti, o scaricati in discariche abusive o in incineritori. Che se ne fa la Bulgaria dell'immondizia italiana? L'indagine, in collaborazione con diverse procure d'Italia, è partita mesi fa.
Il Sostituto procuratore Vladislava Panayotova, della Procura di Varna, afferma che "i rifiuti all'interno di quei contenitori sono altra cosa rispetto a quanto dicono i documenti doganali.
"Dovrebbe esserci solo plastica e gomma, è stato stabilito che ci fossero anche metalli, legno e vetro".
Se i rifiuti in sé non sono tossici, il loro incenerimento potrebbe esserlo; questo avviene in diverse centrali elettriche che fanno capo all'oligarca bulgaro Hristo Kovachki.
Nello stabilimento di Bobov Dol, 70 km a sud della capitale Sofia, i rifiuti ridotti in balle sono pronti per essere trasformati in cenere.
L'inceneritore è stato momentaneamente bloccato dall'indagine, il blocco è solo una misura temporanea. Resta invece il timore delle autorità per la salute delle comunità che abitano a ridosso.
L'incenerimento dei rifiuti è un buon affare per le fabbriche e le centrali elettriche bulgare, in quanto vengono pagate per il loro smaltimento anziché pagare per un combustibile più convenzionale.
Le indagini bulgare portano al sequestro di 9.000 tonnellate di rifiuti provenienti dall'Italia all'inizio dell'anno. Il ministero dell'Interno bulgaro collabora con le autorità italiane per capire se questi carichi siano collegati in qualche modo alla 'ndrangheta calabrese.
È solo una delle operazioni portate a termine in Italia. All'inizio di dicembre, per esempio, i carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Milano sono riusciti a bloccare una spedizione transfrontaliera di rifiuti in procinto di essere inviata presso uno stabilimento di recupero in Bulgaria.
I rifiuti anzichè essere costituiti da scarti di plastica recuperabili, come risultava dai documenti, risultavano essere composti prevalentemente da materiali industriali misti (plastica e gomma, pezzame di stoffa, gommapiuma, tetrapack, imballaggi misti e altro), risultanti dalle operazioni di trattamento già effettuate in altri impianti e che non potevano essere ulteriormente riciclati. L'intero carico - 582 balle di 815 tonnellate, dal valore di 130 mila euro, pronte a partire su 17 vagoni ferroviari - è stato sequestrato.


BettingGods: gli Dei delle Scommesse

Incontra i migliori consiglieri di BettingGods:

Questi sono i Tipsters con le migliori prestazioni a settembre.

Vuoi sapere chi è caldo in questo momento e colpire duramente gli allibratori? Bene, questi sono i nostri informatori più redditizi a settembre finora. Qualcuno di questi ti piace?

Scopri come guadagnare con le scommesse grazie ai consigli degli esperti

I suggerimenti di BettingGods per scommesse gratuite. Si forniscono due suggerimenti per scommesse gratuiti ogni giorno.
Giusto! Ogni giorno dell'anno, BettingGods fornisce due pronostici di scommesse gratuiti dalla rete dei suoi esperti informatori. Consigli gratuiti sulle corse dei cavalli insieme a un suggerimento sulle scommesse gratuite per un altro sport, dal calcio e dal tennis alle corse di levrieri e al basket.

Dai un'occhiata ad alcuni degli ultimi vincitori che abbiamo scelto gratuitamente!

Monitoraggio ActionAid sulla violenza contro le donne

Il 25 novembre è stata la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. L'associazione ActionAid ha diffuso un monitoraggio sul fenomeno della violenza, quali i fondi destinati al settore e la situazione nelle Regioni alle prese con l'emergenza Covid-19.
I centri antiviolenza (CAV) e le case rifugio, afferma ActionAid, "durante la pandemia sono gli unici spazi che hanno continuato a funzionare del sistema antiviolenza, meccanismo spesso malfunzionante o addirittura inceppato. Solo l’enorme impegno messo in campo dai CAV, anche nelle situazioni più critiche come quelle lombarde, ha garantito alle donne che subiscono violenza di essere supportate".
Durante il primo lockdown, quando dopo un iniziale crollo, il numero delle chiamate di aiuto al 1522, tra marzo e giugno 2020 è più che raddoppiato rispetto al 2019 con 15.280 richieste (+119,6%), in Lombardia, ad esempio, c’è stata una forte riduzione dello staff nei CAV causata dal dimezzamento del numero di volontarie – generalmente di età medio-alta e quindi a rischio contagio – e dalla malattia o messa in quarantena di operatrici.
In aggiunta, i Centri, purtroppo, sono stati costretti a turni di lavoro estenuanti, come nel caso della provincia di Cremona, che ha esteso la propria reperibilità h24 con risorse umane ridotte del 50%. Questo a fronte di ritardi e della mancanza di procedure standard delle istituzioni. Dalla scarsità di mascherine e guanti (distribuiti solo in pochissimi casi dalle istituzioni locali come a Brescia) all’impossibilità di accedere ai tamponi, fino alla mancanza di spazi adeguati per isolamenti fiduciari.
Nonostante la circolare inviata a marzo 2020 dal Ministero dell’Interno alle Prefetture per rendere disponibili alloggi alternativi, i centri – ad eccezione di quelli di Pavia - sono stati costretti a ricorrere a bed&breakfast o appartamenti messi a disposizione da conoscenti e privati. È quanto denuncia il nuovo rapporto di ActionAid che monitora i fondi statali previsti dalla legge 119/2013 (la legge sul femminicidio) insieme all’attuazione del Piano antiviolenza 2017-2020.
Il rapporto 2020, inoltre, si è focalizzato sulla risposta all’emergenza Covid19 in Lombardia, Calabria e Sicilia, mettendo in evidenza i ritardi ormai storici della ripartizione e erogazione dei fondi dallo Stato alle Regioni, che la pandemia ha reso ancora più gravi. Difficoltà che si sarebbero potute evitare soprattutto se i piani nazionali contro la violenza fossero stati regolarmente realizzati dal 2014 ad oggi.
“Non è tollerabile che le istituzioni si presentino impreparate a fronteggiare un nuovo lockdown. L’epidemia ci ha dato lezioni che non dobbiamo dimenticare, prima tra tutte il ruolo essenziale dei CAV e delle case rifugio nel sostegno territoriale alle donne, che hanno dimostrato una grande capacità di adattamento nel reinventare un modello di intervento rapido che funziona solo con supporti adeguati. È necessario uscire dalla logica emergenziale per creare un sistema forte e duraturo. Con la seconda ondata pandemica i CAV corrono il rischio di arrivare al limite delle proprie capacità di sopravvivenza e di resilienza. Oggi è necessario istituire un Fondo di emergenza con risorse aggiuntive e prontamente disponibili” spiega Elisa Visconti, Responsabile dei Programmi di ActionAid.
Per permettere alle strutture di sostenere le spese impreviste, a marzo scorso ActionAid ha creato il fondo di pronto intervento #closed4women. Sono stati 24 i Centri in tutta Italia che in tempi rapidi hanno potuto acquistare dispositivi sanitari (mascherine, disinfettante, guanti), sanificare i locali, dare continuità ai servizi di supporto psicologico e legale, fornire aiuti alimentari, sostenere economicamente le donne che hanno dovuto interrompere percorsi di autonomia e di inserimento lavorativo a causa del Covid19. Sono state 189 le donne​ coinvolte, a loro volta 100 tra figlie e figli a carico hanno​ beneficiato di un sostegno.
ActionAid rilancia il Fondo di emergenza con un nuovo finanziamento per supportare i Cav in questa seconda fase della pandemia.

Coronavirus, dalla saturazione all’aspirina: come curarsi a casa e quando andare in ospedale

Ecco finalmente il documento del ministero della Salute che equivale ad un vademecum sulla gestione del paziente, i farmaci da somministrare e i valori da tenere sotto controllo. Una saturazione dell’ossigeno sotto al 92% e una febbre sopra i 38 gradi da più di 72 ore. Questi sono i due campanelli d’allarme che devono far scattare la reazione immediata dei malati di Covid e dei medici di famiglia che li assistono. È urgente cambiare terapia, chiamare le Usca (Unità Speciali di Continuità Assistenziale). E nel caso anche il «test della sedia» o il «test del cammino» confermino il livello di saturazione misurata dal saturimetro sotto il 92% - segnale di una polmonite in corso - chiamare il 112 e andare in ospedale. Arriva finalmente e dopo una lunga attesa (a 10 mesi dallo scoppio della pandemia) il documento ufficiale del ministero della Salute per la «gestione domiciliare del paziente con infezione da Sars Cov-2».

Una frana di sassi si è abbattuta a Bolzano sull'albergo Eberle

L'hotel in questo periodo era fortunatamente chiuso a causa dei provvedimenti anti-covid in Alto Adige. L'albergo si trova sui pendii del Monte Tondo, a una settantina di metri sopra la città, nei pressi delle famose passeggiate di Sant'Osvaldo. La causa del crollo sarebbe il mix di forti precipitazioni e gelo dei giorni scorsi. "Poteva essere una strage", ha detto il governatore Arno Kompatscher dopo un sopralluogo. Kompatscher ha sottolineato che l'albergo è stato eretto prima che il pendio fosse stato dichiarato zona rossa per rischio geologico e perciò la struttura era in regola. L'assessore alla protezione civile Arnold Schuler ha parlato di "un vero miracolo".

NIGHT TRAVELER: "Watching You" ecco il brano fresco e coinvolgente di questa giovane band texana.


NIGHT TRAVELLER ossia Adam Fischer & Hunter Glaske di Austin, cittadina americana che è la capitale dello Stato del Texas, è una band che nasce nel 2018 dopo che le passate collaborazioni hanno portato alla decisione di iniziare qualcosa da zero.
Il loro singolo di debutto intitolato "1984" ha dato agli ascoltatori un primo saggio di come si sarebbe evoluta questa collaborazione.
Nel febbraio 2019 i NIGHT TRAVELLER fanno uscire il loro primo EP, Night Traveller, Vol. 1.
La band sta attualmente terminando il proprio album di debutto, registrato in una casa sul lago trasformata in studio e accompagnato da un documentario del loro processo creativo.
"Baby I'v been watching you... I can hear the words, you're too scared to say, I can feel your worries, but I can't fix your pain" queste sono alcune strofe dei Night Traveler e della loro "Watching You":



L'Ue intende chiedere conto alla Cina del disastro coronavirus

coronavirus C'è gelo tra Cina e Unione Europea, che apre alla possibilità di un'inchiesta sull'origine della pandemia di coronavirus. Dal momento che la Cina non ha fatto promesse finanziarie né sul piano della diffusione del vaccino, qualora lo trovasse, né all'evento di fund-raising organizzato dall'Ue per sconfiggere la pandemia.

Il rappresentante di Pechino, l'ambasciatore presso l'Unione Europea Zhang Ming, il funzionario di grado inferiore tra i rappresentanti dei Paesi che hanno partecipato all'evento, ha invece rimarcato la contrarietà della Cina a essere considerata responsabile, sottolineando che Pechino starebbe facendo del suo meglio per aiutare i Paesi nel bisogno.

Zhang, citato dal South China Morning Post, ha sottolineato che la Cina si è già impegnata sul piano finanziario, con un fondo speciale da due miliardi di yuan (261,27 milioni di euro); un miliardo di yuan (130,63 milioni di euro) di investimenti in ricerca, e cinquanta milioni di dollari di donazioni all'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Science. E' stata scoperta la struttura del motore molecolare di Covid-19 che permette al virus di moltiplicarsi. Il risultato, pubblicato su Science, rende più facile mettere a punto farmaci mirati.

Il motore è l'enzima polimerasi nsp12, lo stesso che è il bersaglio dell'antivirale remdesivir utilizzato contro il nuovo coronavirus, ma nato come arma contro l'Ebola. Autore della ricerca è il gruppo di Yen Gao, dell'università Tsinghua di Pechino.

Da un lato, conoscere la struttura dell’enzima, osservano gli autori della ricerca, permetterà di verificare se il remdesivir è effettivamente in grado di bloccare la replicazione del virus SarsCoV2; dall’altro accelererà la ricerca su nuovi farmaci antivirali specifici, progettati per combattere la Covid-19, indispensabili per arginare la pandemia.

Finora del virus SarsCoV2 era stata scoperta la struttura della sua principale arma, la proteina Spike, e della parte di quest’ultima chiamata Rbd, che si lega alla porta d’ingresso del virus nella cellula, il recettore Ace2…

Fonte in lingua originale...

Guadagnare col Metodo Crestani

Esclusivo Allenamento Gratuito con John Crestani:

Il semplice sistema con 3 semplici passaggi capace di realizzare oltre 19.700.000 di vendite con solo un computer e una connessione Internet.

Una dimostrazione in diretta di produzione di reddito in cui John tenterà di guadagnare oltre $ 500 entro 30 minuti! (Copia come lo fa!).

Scopri come guadagnare online un reddito a 6 cifre

Il modo più semplice per iniziare oggi senza alcuna esperienza! Infatti, Frank, Anna, David, Keenan, Seth e Hernan hanno guadagnato oltre $ 918,89 dopo aver visto questo STESSO allenamento gratuito!

Vedi esempi di vita reale , John ha accettato di mostrarti esempi reali LIVE!

Al Jarreau Live Concert al Parco delle Biodiversità - Catanzaro - Summer 2012



App IMMUNI

app immuni Milano
Il Governo ha scelto l’app Immuni per la gestione del contact tracing nella fase 2 dell’emergenza coronavirus. Vediamo come funziona, come scaricarla (a breve) e come si è arrivati a questa scelta, insieme a un confronto con i sistemi utilizzati in altri paesi. Scopri come funziona:

E' tutta italiana Bending Spoons, la società scelta dal governo per l'utilizzo della app Immuni, con cui si tracceranno i movimenti dei contagiati da coronavirus. L'impresa, fondata nel 2013 da cinque soci, allora under 30, figura al numero uno in Europa per lo sviluppo di app per iPhone e tra le prime dieci al mondo per download.

La sede iniziale era a Copenaghen, ma già nel 2014 è stata spostata a Milano dove è rimasta da allora. Una scelta precisa, affermano, fatta "per assemblare una squadra d'eccellenza e per dare ai tanti talenti in fuga dal nostro Paese un motivo per restare, e per dimostrare che non serve essere in Silicon Valley per costruire un'azienda vincente su scala globale. Quello che conta davvero è una strategia intelligente, le persone giuste e tanto, tanto lavoro".

Bending Spoons, che ha gli uffici nella modaiola Corso Como, nei pressi del distretto di Porta Nuova, sviluppa app utilizzate da milioni di persone in tutto il mondo. Una dozzina di app, oltre 200 milioni di download complessivi, 270.000 nuovi utenti al giorno e 45,5 milioni di fatturato nel 2018 frutto del lavoro di un team internazionale composto da oltre 150 persone.

I Sintomi del Covid-19 che troppi sottovalutano

Milano
L’anosmia (mancanza di odorato) e l’ageusia (mancanza del gusto), secondo un nuovo studio, compaiono nel 70% dei pazienti affetti da Covid-19 e per la maggior parte di loro costituisce il "primissimo sintomo della malattia".
Dunque, un alert importantissimo soprattutto in questo post-lockdown: fare caso a questa mancanza di gusto od olfatto, non scambiandola per un raffreddore, può portare a una tempestiva identificazione del virus, con conseguente isolamento dell’infetto, evitando così che il contagio si allarghi.
Secondo lo studio, all’incirca nel 30% dei casi anosmia e ageusia sono stati i primi sintomi del Covid, mentre per il 5% sono stati gli unici, perciò, molto spesso, sono stati sottovalutati o non riconosciuti.
"Siamo stati i primi a raccogliere e analizzare i dati su questi sintomi, peraltro durante la fase 1, quando la pandemia era al culmine e c’era poco tempo per occuparsi di questi studi – rivela la dottoressa Petrocelli –. Ma così facendo abbiamo fatto questa importante scoperta, stravolgendo analoghi studi cinesi, che ritenevano invece come solo il 5% circa dei pazienti accusasse i sintomi in esame. Invece, noi abbiamo scoperto come siano invece estremamente diffusi e per di più precoci e molto specifici. Questo potrà avere un ruolo decisivo nella prevenzione del contagio". Il campione dello studio, composto da operatori sanitari, è stato selezionato perché ritenuto più attendibile nel comprendere e rispondere ai quesiti posti, essendo, di fatto, ’del mestiere’.
"Dalle nostre analisi emerge come le papille gustative si riattivino solitamente dieci giorni dopo la fase acuta della malattia, anche se in alcuni casi uno dei due sintomi si è protratto anche per 30/40 giorni – rivela la dottoressa Baietti –. Questa poi è solo una prima fase dello studio: successivamente approfondiremo se vi sia un legame tra la durata del sintomo e l’infettività del paziente Covid positivo".

Scandalo Sanità Calabrese Cotticelli

Calabria News
L'ex Generale di Corpo d'Armata Commissario della Sanità Calabrese Cotticelli: “Non so cosa mi sia successo durante quell’intervista”. Ieri, domenica 8 novembre Massimo Giletti, conduttore della trasmissione "Non è L’Arena" in onda su La7, ha intervistato Saverio Cotticelli, ex commissario alla sanità in Calabria. Cotticelli ha provato a giustificare il suo comportamento durante la precedente intervista su Rai Tre nel programma "Titolo V". Durante l’intervista Cotticelli aveva dichiarato di non aver realizzato il piano Covid per la Calabria, dicendo di non sapere che il compito spettasse al Commissario alla Sanità. Un errore fatale che gli è costato il posto.

Il sistema sanitario della Calabria risulta così impreparato per la seconda ondata di coronavirus. I tagli a reparti e personale, hanno costretto il governo a dichiarare la Regione zona rossa, nonostante il numero di contagi sia in realtà molto più basso rispetto alle altre Regioni che si trovano nella medesima fascia di rischio. Da settimane il trend dei nuovi casi è in aumento. In Calabria si parla di meno di 300 contagi al giorno. Numeri esigui se confrontati alle migliaia di casi che Lombardia e Piemonte devono gestire quotidianamente. Questo dà l’idea di quanto la situazione degli ospedali calabresi sia gravemente compromessa, anche perchè il sistema di tracciamento non sembra proprio funzionare per niente.

“Sul commissario alla Sanità della Calabria Cotticelli sta andando in scena uno spettacolo indecoroso e un ignobile scaricabarile“. Questo è il commento di Giorgia Meloni su Facebook. “Oggi il presidente del consiglio Conte si scandalizza per una nomina che lui stesso ha fatto nel dicembre 2018. Insieme all’allora ministro M5S della Salute Grillo. E che ha confermato solo pochi giorni fa. I 5Stelle prendono le distanze, ringraziano Conte e dicono che servono ‘persone all’altezza per gestire l’emergenza Covid”. E’ stato un ministro grillino a sottoscrivere la nomina di Cotticelli, ricorda la leader di Fratelli d’Italia. ”Stiamo assistendo ad una scandalosa sceneggiata sulla pelle di due milioni di cittadini calabresi. Che oggi per colpa del M5S e della sinistra non hanno un piano Covid per affrontare la seconda ondata dell’epidemia. Questo disastro è l’ennesima conferma dell’inadeguatezza del governo, che dall’inizio dell’emergenza naviga a vista. Conte e il suo governo chiedano scusa e si dimettano”.

Capitano Ultimo, assessore all’Ambiente della Regione Calabria: "Il generale Saverio Cotticelli è un comodo capro espiatorio” ma “la responsabilità è del governo”. Così, commenta l’ennessimo scivolone di Conte. “La vicenda, se la si esamina con attenzione, è chiara”, dice l’uomo che mise le manette ai polsi di Totò Riina. “Cotticelli a questo punto è un comodo capro espiatorio. Ma le responsabilità sono evidenti e non possono e non devono essere nascoste al popolo calabrese. La responsabilità è del governo e di una leadership che, di fronte al proprio fallimento, avrebbe il dovere di farsi da parte e lasciare il posto ad altri”.

Nuovo DPCM contenente misure urgenti di contenimento del contagio

Roma
Firmato oggi dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro della Salute, Roberto Speranza, il nuovo DPCM contenente misure urgenti di contenimento del contagio da nuovo coronavirus sull’intero territorio nazionale.

Il decreto conferma l’obbligo dell’uso di mascherine sia al chiuso che all’aperto e raccomanda il loro uso anche in casa se in presenza di persone non conviventi, dispone lo stop agli sport da contatto svolti a livello amatoriale e fissa a 1.000 il numero massimo di persone che potranno assistere a competizioni sportive e spettacoli che si svolgono all’aperto e a 200 se si svolgono al chiuso. Consentite le attività dei servizi di ristorazione tra cui pub, ristoranti, pasticcerie, gelaterie, fino alla mezzanotte se con servizio al tavolo, fino alle 21 senza servizio al tavolo. Consentite anche la ristorazione a domicilio e quella da asporto, con divieto di consumazione sul posto, o nelle adiacenze dei locali, di cibi e bevande dopo le ore 21. Fissato a 30 il limite del numero delle persone che potranno partecipare a cerimonie civili e religiose, come matrimoni e battesimi.

Di seguito una sintesi delle principali misure previste dal Dpcm.

Utilizzo mascherine in luoghi al chiuso e all’aperto

Disposto l’obbligo, su tutto il territorio nazionale, di portare con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e di indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli e delle linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché delle linee guida per il consumo di cibi e bevande.

Sono esclusi dai citati obblighi:

i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva i bambini di età inferiore ai sei anni, i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonchè per coloro che per interagire con loro versino nella stessa incompatibilità. Possono essere usate mascherine di comunità.

Il Decreto raccomanda fortemente l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. L’utilizzo delle mascherine si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio, tra cui il distanziamento sociale e il lavaggio delle mani.

Distanziamento tra persone

Confermato l’obbligo di distanziamento tra le persone di almeno un metro. Sono fatte salve le eccezioni di cui all’ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione civile del 3 febbraio 2020, n.630 validate dal Comitato tecnico scientifico (CTS).

Ristoranti, Pub e altri servizi di ristorazione

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite sino alle ore 24.00 con servizio al tavolo e sino alle ore 21.00 in assenza di servizio al tavolo. Resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie previste sia nella fase di confezionamento che di trasporto, nonché la ristorazione da asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze dopo le ore 21 e fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro tra le persone.

Feste in abitazioni private

Il Decreto raccomanda fortemente di evitare feste e di evitare riunioni fra oltre 6 persone non conviventi .

Feste conseguenti a cerimonie civili o religiose

Le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose possono svolgersi con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti.

Accesso ai luoghi di culto

L’accesso è consentito con misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire la possibilità ai frequentatori di mantenere la distanza tra loro di almeno un metro.

Attività sportiva o motoria all'aperto

È consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all'aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti.

Attività sportiva di base in palestre, piscine, circoli sportivi, etc L'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell'individuo attraverso l'esercizio fisico, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento.

Sport di contatto: gare e competizioni amatoriali

Il Dpcm dispone il divieto di tutte le gare, le competizioni e tutte le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere amatoriale. Limite spettatori per eventi sportivi

Per gli eventi e le competizioni sportive degli sport individuali e di squadra ‒ riconosciuti dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI), dal Comitato italiano paralimpico (CIP) e dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali ‒ è consentita la presenza di pubblico, con una percentuale massima di riempimento del 15% rispetto alla capienza totale e comunque non oltre il numero massimo di 1.000 spettatori per manifestazioni sportive all’aperto e di 200 spettatori per manifestazioni sportive in luoghi chiusi. Tali manifestazioni sono consentite esclusivamente negli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere, con adeguati volumi e ricambi d’aria, a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia frontalmente che lateralmente. Previsto l'obbligo di misurazione della temperatura all’accesso e l’utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, Discipline sportive associate ed Enti di promozione sportiva, Enti organizzatori. Le Regioni e le Province autonome, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabilire, d’intesa con il ministro della Salute, un diverso numero massimo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi.

Limite spettatori in spettacoli aperti al pubblico

Gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, con il numero massimo di 1.000 spettatori per spettacoli all'aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le Regioni e le Province autonome, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori, possono stabilire, d’intesa con il ministro della Salute, un diverso numero massimo di spettatori in considerazione delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi.

Sale da ballo e discoteche

Restano comunque sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all'aperto o al chiuso. Sono vietate le feste in tutti i luoghi al chiuso e all’aperto.

Scuole

Ferma restando la ripresa delle attività dei servizi educativi e dell’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado secondo i rispettivi calendari, le istituzioni scolastiche continuano a predisporre ogni misura utile all’avvio nonché al regolare svolgimento dell’anno scolastico 2020-2021, anche sulla base delle indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di Sars-Cov-2 elaborati dall’Istituto superiore di sanità. Sono sospesi i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche.

Terapia Genica

terapia genica Per terapia genica (in inglese Gene Therapy) si intende l'inserzione di materiale genetico (DNA) all'interno delle cellule al fine di poter curare delle patologie (es. malattie genetiche). Questa procedura di inserzione è nota come trasfezione.
Fu concepita a seguito del grande progresso delle metodiche di biologia molecolare e ingegneria genetica sviluppatesi a partire dagli anni ottanta. Tali tecniche consentirono il clonaggio ed il sequenziamento di vari geni. Ciò comportò la precisa identificazione di molte alterazioni geniche in diverse patologie e la capacità, grazie alle tecniche del DNA ricombinante, di modificare microorganismi (come batteri o funghi) per poter far loro esprimere delle molecole d'interesse.
In particolare la terapia genica consiste nel trasferimento di uno o più geni sani in una cellula malata, al fine di curare una patologia causata dall'assenza o dal difetto di uno o più geni (mutati). Dunque, è necessario in primo luogo identificare il singolo gene o i diversi geni responsabili della malattia genetica.
Sebbene le terapie siano generalmente sperimentali, si può tentare in secondo luogo - almeno per alcune malattie - la sostituzione dei geni malati sfruttando, ad esempio, come vettore un virus reso inattivo, svuotato preventivamente del suo corredo genetico.
Con un meccanismo piuttosto complesso, che richiede l'uso di 'forbici' molecolari enzimatiche, enzimi di restrizione (con cui si preleva il gene "sano") si può poi 'correggere' il DNA, rimpiazzando le sequenze difettose, in modo tale che la cellula sintetizzi correttamente le proteine necessarie al corretto funzionamento metabolico.
Il passo successivo consistette nella valutazione della possibilità di trasfettare le cellule somatiche di un individuo avente una malattia genetica con un segmento di DNA contenente l'allele sano. Questo approccio si è successivamente esteso anche alle patologie non mendeliane come tumori, infezione da HIV ed altre patologie in cui non si va a sostituire un gene difettoso ma se ne aggiunge uno che possa mettere in moto un fenomeno terapeuticamente utile.

The Core Lesson of the COVID-19 Heart Debate

Lunedì scorso, quando ho chiamato la cardiologa Amy Kontorovich in tarda mattinata, si è scusata perchè era stanca. "Sono stata nel mio laboratorio ad infettare cellule cardiache con SARS-CoV-2 dalle 6 di questa mattina", ha detto.
Potrebbe sembrare uno strano esperimento per un virus che si diffonde nell'aria e infetta principalmente i polmoni e le vie respiratorie. Ma SARS-CoV-2, il nuovo coronavirus dietro la pandemia COVID-19, può anche danneggiare il cuore. Questo era chiaro nei primi mesi della pandemia, quando alcuni pazienti COVID-19 sarebbero stati ricoverati in ospedale per problemi respiratori e sarebbero morti per insufficienza cardiaca. "I cardiologi ci hanno pensato da marzo", ha detto Kontorovich, che ha sede sul Monte Sinai. "I dati si sono diffusi."
Le autopsie hanno trovato tracce del materiale genetico del coronavirus nel cuore e vere particelle virali all'interno delle cellule muscolari del cuore. Gli esperimenti hanno scoperto che SARS-CoV-2 può distruggere versioni cresciute in laboratorio di quelle cellule. Diversi studi hanno ora dimostrato che circa il 10-30% dei pazienti COVID-19 ospedalizzati presentava alti livelli di troponina, una proteina rilasciata nel sangue quando le cellule muscolari del cuore sono danneggiate. Tali pazienti hanno maggiori probabilità di morire rispetto ad altri senza segni di lesioni cardiache.
Questo è preoccupante per le persone con sintomi gravi, ma più recentemente, alcuni studi hanno suggerito che COVID-19 può causare infiammazione del cuore o miocardite, anche nelle persone che hanno mostrato sintomi lievi o si sono riprese. Questi risultati sono stati controversi ma preoccupanti. La miocardite è spesso causata da virus e in molti casi si risolve da sola. Ma può progredire fino a problemi cardiaci più gravi ed è una delle principali cause di morte improvvisa nei giovani adulti. Questi studi hanno contribuito alle decisioni prese da due conferenze calcistiche universitarie, il Big Ten e il Pac-12, di annullare la loro stagione autunnale. (Il Big Ten da allora ha invertito la sua chiamata e il Pac-12 sta considerando di fare lo stesso)
Questi sviluppi hanno solo aggiunto alla mistica di COVID-19. Notizie e articoli scientifici hanno raccontato un bizzarro virus che si comporta come nessun altro e una presunta malattia respiratoria che forse dovrebbe essere riconsiderata come una malattia vascolare. Ma diversi cardiologi e virologi con cui ho parlato dicono che tali affermazioni sono esagerate. COVID-19 è una malattia grave che dovrebbe essere presa sul serio, ma non è poi così strano. Sembra così in parte perché è nuovo ed estremamente diffuso, e quindi attira la nostra piena attenzione nel modo in cui la maggior parte delle malattie virali non lo fanno. Centinaia di ricercatori lo stanno studiando. Milioni di persone ne sono state infettate. E ogni studio, ogni notizia e ogni dettaglio insolito accelera il polso...

Continua a leggere l'articolo al seguente link:
The new coronavirus seems so strange because it has our full attention in a way most viruses don’t:

VIBO VALENTIA

Guardia di Finanza di Vibo Valentia ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni nei confronti di un'impresa

22 GEN - La Guardia di Finanza di Vibo Valentia ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore di 85.255 euro, emesso dal Gip del Tribunale, nei confronti del rappresentante legale di un'impresa di costruzioni e di amministratori e funzionari pubblici indagati per il reato di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche. Sette le persone denunciate tra i quali il rappresentante legale dell'impresa Tommaso De Nisi; il sindaco di Zungri, Francesco Galati; l'assessore Nicola Pugliese e il responsabile dell'Ufficio tecnico comunale, Pietro Ferraro, in carica all'epoca dei fatti.
Le indagini, dirette dal Procuratore Camillo Falvo,hanno riguardato l'appalto per l'esecuzione di lavori di recupero, valorizzazione e messa in sicurezza del sito archeologico denominato degli 'Sbariati', meglio noto come "Grotte" di Zungri, finanziato dalla Regione Calabria e gestito dal Comune.
Le indagini hanno consentito di accertare condotte penalmente rilevanti poste in essere da diversi soggetti che, a vario titolo, erano intervenuti nella gestione ed esecuzione del contratto, dimostrando la volontà di utilizzare mezzi, materiali e tecniche diversi da quelli previsti e non adeguati. E' stata anche dimostrata la consapevolezza e l'intenzione, da parte dei principali soggetti con funzioni pubbliche, di utilizzare artifizi e raggiri ai fini del conseguimento di un ingiusto profitto in danno della Regione Calabria, inducendo in errore i soggetti preposti ai controlli. In particolare è stato rilevato l'utilizzo di certificazioni e schede tecniche relative a materiali mai impiegati o impiegati solo in parte nell'esecuzione dei lavori.
Il contratto oggetto dell'indagine era stato stipulato il 30 giugno 2015 tra il Comune di Zungri e la società "De Nisi Tommaso" di Filadelfia e prevedeva una spesa per lavori, al netto del ribasso d'asta, di 347.592 euro che, alla luce dei riscontri effettuati, non è stata in realtà interamente sostenuta, essendo state accertate, secondo quanto emerso dalle indagini, differenze sui materiali forniti per 85.255 euro (24,52% dell'importo totale). (FONTE: ANSA)


REGGIO CALABRIA

Motivazioni della sentenza del processo"'Ndrangheta stragista" daparte della Corte d'Assise di Reggio Calabria

22 GEN - "Non può affatto escludersi, anzi appare piuttosto assai probabile, che dietro tali avvenimenti vi fossero dei mandanti politici che attraverso la 'strategia della tensione' volevano evitare l'avvento al potere delle sinistre, temuto anche dalle organizzazioni criminali, che erano riuscite con i precedenti referenti politici a godere di benefici e agevolazioni. Si può, quindi, affermare che in tale circostanza si era venuta a creare una sorta di convergenza di interessi tra vari settori che hanno sostenuto ideologicamente la strategia stragista di Cosa Nostra".
È quanto si afferma nelle motivazioni della sentenza del processo"'Ndrangheta stragista" con la quale la Corte d'Assise di Reggio Calabria, su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri e dell'aggiunto Giuseppe Lombardo, sono stati condannati all'ergastolo lo scorso 24 luglio il boss siciliano Giuseppe Graviano e Rocco Santo Filippone, considerato dalla Dda il referente della cosca Piromalli.
Graviano e Filippone sono ritenuti i mandanti degli attentati ai carabinieri Antonio Fava e Vincenzo Garofalo uccisi il 18 gennaio 1994 sulla Salerno-Reggio Calabria, nei pressi dello svincolo di Scilla. "Le conclusioni cui è pervenuta questa Corte in ordine alla responsabilità degli imputati - è scritto nella sentenza - costituiscono soltanto un primo approdo, dal momento che la complessa istruttoria dibattimentale, ivi comprese le dichiarazioni di Giuseppe Graviano, lascia intravedere il coinvolgimento di ulteriori soggetti che hanno concorso nella ideazione e deliberazione degli eventi in esame. Ciò che si ricava è che dietro tutto ciò non vi sono state soltanto le organizzazioni criminali, ma anche tutta una serie di soggetti provenienti da differenti contesti (politici, massonici, servizi segreti), che hanno agito al fine di destabilizzare lo Stato per ottenere anch'essi vantaggi di vario genere, approfittando anche di un momento di crisi dei partiti tradizionali".
Per questo motivo, "con riferimento alla identificazione di tali soggetti", la Corte d'Assise di Reggio Calabria ha trasmesso alcuni atti del processo alla Procura della Repubblica perché continui a indagare. (FONTE: ANSA).


CATANZARO

RISTORA CALABRIA, DALLA REGIONE 1,6 MILIONI PER CINEMA E TEATRI

22 GEN - Aiuti economici per cinema, discoteche, teatri, bar degli istituti scolastici superiori e attività commerciali ubicate negli aeroporti. La Regione Calabria ha pubblicato, in preinformazione, l’avviso finalizzato al sostegno alla liquidità di pmi e microimprese che abbiano subìto gli effetti delle misure di contenimento adottate dal Governo a causa dell’emergenza covid-19.
L’avviso, con una dotazione finanziaria di oltre 1,6 milioni di euro, prevede la concessione di un contributo una tantum. L’intensità dell’aiuto è, per ciascuna impresa richiedente, pari a: 10mila euro per discoteche, cinema e teatri (attività prevalente indicata con codice Ateco primario su InfoCamere); 5mila euro per le attività economiche ubicate negli edifici e a servizio delle scuole secondarie di secondo grado; 5mila euro per le attività economiche ubicate e operanti nell’ambito delle stazioni aeroportuali calabresi.
I soggetti richiedenti devono avere un fabbisogno di liquidità, determinatosi per effetto dell’emergenza covid-19, pari a un calo del fatturato medio mensile per l’anno 2020 che sia uguale o superiore al 33% del fatturato medio mensile dell’esercizio 2019.


CATANZARO

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE - PUBBLICATO IL BANDO PER LA SELEZIONE DEI VOLONTARI

20 GEN - É stato pubblicato il Bando per la selezione dei Volontari insieme all'integrazione del 21 dicembre 2020 per ulteriori 8.902 operatori volontari. I posti di operatore volontario, pertanto, sono in totale 55.793 da impiegare in 3.553 progetti di servizio civile universale in Italia e all’Estero e nei territori delle regioni interessate dal PON-IOG “Garanzia Giovani” (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Piemonte, Puglia, Sardegna e Sicilia) relativi a 601 programmi. Prorogata inoltre la scadenza alle ore 14:00 del 15 febbraio 2020.

Per i dettagli vai al seguente link:
POLITICHE GIOVANILI REGIONE CALABRIA


MELICUCCO

MORTO OPERAIO IN UN INCIDENTE SUL LAVORO

19 GEN - Un operaio di 51 anni, Antonio Bellissimo, è morto in un incidente sul lavoro avvenuto all'interno di una cava a Melicucco, in provincia di Reggio Calabria. Bellissimo, sposato con figli, è deceduto dopo essere stato investito, per cause in corso di accertamento, dallo scoppio di uno pneumatico di un camion.


AMANTEA

COSTONE DI ROCCIA CROLLA FINENDO SU ABITAZIONI CENTRO STORICO

19 GEN - Un costone di roccia ha ceduto nel primo pomeriggio di oggi ad Amantea ed è crollato finendo anche su alcune abitazioni del centro storico della cittadina. Al momento non si hanno notizie di possibili vittime o persone disperse. Ricerche sono in corso. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine e i vigili del fuoco insieme ai tecnici comunali. Per precauzione sono state evacuate 50 persone.


CATANZARO

WELFARE, AL VIA DUE PROGETTI PER AUDIOLESI E NON VEDENTI

16 GEN - Sostenere il percorso di integrazione sociale e lavorativa di non vedenti e audiolesi. Questo il senso dei progetti elaborati dall’assessorato regionale al Welfare che presto potranno essere tradotti in realtà, grazie alle risorse finanziarie ...

Continua a leggere l'articolo al seguente link:
POLITICHE SOCIALI REGIONE CALABRIA:


CATANZARO

STATALE 106, LA GIUNTA RICORRE ALLA DEROGA AL DIBATTITO PUBBLICO

16 GEN - L'assessore alle Infrastrutture e Lavori pubblici, Domenica Catalfamo, comunica che la Calabria sarà tra le prime d’Italia a ricorrere alla deroga al dibattito pubblico per la realizzazione delle opere di interesse e di rilevanza ...

Continua a leggere l'articolo al seguente link:
LAVORI PUBBLICI REGIONE CALABRIA:


REGGIO CALABRIA

REGGIO, SPIRLÌ AL DIPARTIMENTO DI AGRARIA: «ECCELLENZA CALABRESE»

16 GEN - Il presidente della Regione, Nino Spirlì, ha fatto visita questa mattina al dipartimento di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, accompagnato dal direttore Giuseppe Zimbalatti. Presente anche la consigliera ...

Continua a leggere l'articolo al seguente link:
PRESIDENZA REGIONE CALABRIA:


CATANZARO

E' morto Giuseppe De Vita, il medico del 118 di Trebisacce (Cosenza), ricoverato per Covid

16 GEN - Era stato ricoverato dal 3 dicembre scorso. dapprima nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Annunziata di Cosenza e poi nello stesso reparto del nosocomio di Catanzaro, dove si è spento la notte scorsa. De Vita aveva 63 anni ed è il primo medico della provincia di Cosenza a perdere la vita per il Coronavirus.


LAMEZIA TERME

Inizia oggi nell'aula bunker di Lamezia Terme il processo "Rinascita Scott"

13 GEN - Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri al suo arrivo nella nuova aula bunker a Lamezia Terme dove stamani inizia il maxi processo "Rinascita Scott" - che vede imputate oltre 300 persone - contro le cosche di 'ndrangheta del vibonese e dei presunti referenti istituzionali, politici, economici e della massoneria deviata ha così affermato: "Questo processo è importante per tanti aspetti. L'essere riusciti a celebrare qui il dibattimento vuol dire che i calabresi non sono il popolo delle incompiute e che quando ci si siede allo stesso tavolo e si è tutti dalla stessa parte è possibile realizzare opere complete dove si realizza una grande efficienza".
"Questa - ha quindi aggiunto - è un'aula bunker attrezzata in base alle normative anti Covid. C'è il massimo della tecnologia disponibile, c'è la possibilità di fare 150 video collegamenti in contemporanea e può contenere oltre 1000 persone a distanza di sicurezza contro il Covid. Inoltre è importante che il processo si celebri in Calabria dove è avvenuta, dal nostro punto di vista, la commissione dei reati. È un segnale anche perché la gente deve e può campire, senza libi per nessuno, che si può fidare di noi, che possiamo dare delle risposte. Prova ne è che negli ultimi ani c'è stato un grande avvicinamento delle persone che hanno denunciato".


CATANZARO

Avrà inizio il 10 marzo prossimo l'udienza preliminare a carico di sei medici in servizio nell'azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio di Catanzaro

11 GEN - Per i sei medici la Procura della Repubblica ha chiesto il rinvio a giudizio. Si tratta di Fulvio Zullo, direttore fino al 2017 del Dipartimento universitario di Ostetricia e Ginecologia e consulente ginecologo/oncologo fino a tutto il 2019; Roberto Noia, dirigente di primo livello nel reparto di Ostetricia e Ginecologia; Andrea Gregorio Cosco, Menotti Pullano e Saverio Miceli, medici specialisti in Ostetricia e Ginecologia, e Roberto Venturella, responsabile del centro di Procreazione medicalmente assistita.
Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di abuso d'ufficio, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale e truffa. Zullo e gli altri medici avrebbero attestato diagnosi non veritiere indicando falsamente che le pazienti erano affette da patologie rientranti tra quelle che consentono la prescrizione gratuita dei farmaci, traendo così in inganno l'amministrazione dell'ospedale che avrebbe subito, per questo, un grave danno economico. Zullo e Venturella, inoltre avrebbero emesso 281 piani terapeutici per 177 pazienti per il contrasto dell'infertilità e le avrebbero indirizzate esplicitamente, per le successive procedure di Procreazione medicalmente assistita, in cliniche campane riconducibili allo stesso Zullo.


CATANZARO

ELEZIONI IN CALABRIA SI FARANNO L'11 APRILE, SPIRLÌ: «AVVIATA LA PROCEDURA PER IL RINVIO»

03 GEN - "D'intesa con il presidente della Corte di appello di Catanzaro, e dopo aver sentito il presidente del Consiglio regionale, gli esponenti nazionali e locali delle varie forze politiche e gli assessori della Giunta regionale, assumo la decisione di rinviare al prossimo 11 aprile le consultazioni per l'elezione del presidente della Regione e dei consiglieri regionali della Calabria." Il presidente spiega la scelta di posticipare la data del voto per evitare grave rischio sanitario
La procedura per il rinvio delle elezioni regionali era stata avviata, nel tardo pomeriggio di ieri (01 Gennaio, ndr)..."Nel pieno rispetto dei ruoli istituzionali, attendo di poter condividere la nuova data con il presidente della Corte d’appello di Catanzaro, passaggio necessario per poter adottare il nuovo decreto di indizione delle elezioni regionali".
Così il presidente facente funzioni della Regione Calabria, Nino Spirlì: «Questa decisione – spiega – segue la comunicazione ricevuta dai ministeri competenti circa il recente parere del Cts nazionale, oltre che i dati inseriti nell’ultimo monitoraggio dell’Iss, secondo cui la Calabria ha un Rt che supera la soglia di allarme (1,09) e che è compatibile con uno scenario di tipo 2. È dunque necessario non esporre i calabresi a un grave rischio sanitario. Perciò, dopo aver sentito il parere dei rappresentanti politici regionali e nazionali, e pur restando all’interno della forbice temporale già indicata dal Governo, ho ritenuto doveroso scegliere un’altra data rispetto a quella del 14 febbraio, che era stata indicata sulla scorta di previsioni sanitarie diverse rispetto a quelle attuali».
«Quanto a presunte frizioni politiche legate a questa scelta – conclude Spirlì –, ribadisco che in campo c’è solo il buon senso che contraddistingue da sempre questa amministrazione».


CATANZARO

LABORATORI SCOLASTICI, LA REGIONE STANZIA UN MILIONE E 350MILA EURO

30 DIC - Gli istituti di secondo grado potranno realizzare progetti educativi sulla misurazione dell'inquinamento ambientale e sull'osservazione astronomica. Savaglio: «Difesa concreta dell'ambiente»
Un milione e 350mila euro alle scuole di secondo grado della Calabria per allestire laboratori sulla misurazione dell’inquinamento ambientale e sull’osservazione astronomica. È la cifra stanziata oggi dalla Giunta regionale della Calabria, su proposta dell’assessore all’Istruzione, Università e Ricerca, Sandra Savaglio, nell’ottica del potenziamento della dotazione tecnologica e della strumentazione laboratoriale per la realizzazione di progetti educativi in materia di “Educazione ambientale, sostenibilità e osservazione astronomica”.
L’impegno finanziario è a valere sulle risorse del Por Calabria Fesr-Fse 2014/2020. La Giunta ha dato indirizzo al dipartimento Istruzione e Cultura affinché siano attivate le procedure amministrative. «Tramite questa delibera – commenta Savaglio – le scuole entrano concretamente nel mondo della ricerca scientifica, anche se in modo amatoriale, per interventi a difesa dell’ambiente. È simbolico chiudere l’anno con un’iniziativa così bella, perché l’auspicio è che i nostri ragazzi e ragazze, con il nuovo anno, ritornino tra i banchi. È, inoltre, per me motivo di felicità poter potenziare la scienza a favore della sostenibilità all’interno delle scuole calabresi. Una felicità che condividono con il mio amico e collega Sergio De Caprio, la persona più attenta all’ambiente che io conosca».


REGGIO CALABRIA

Vax Day: il primo ad essere vaccinato a Reggio Calabria è il Covid Manager del GOM

27 DIC - Il dottor Carmelo Mangano, 'covid manager' del Grande Ospedale Metropolitano, é stato il primo operatore sanitario a sottoporsi a vaccino a Reggio Calabria.
Le dosi arrivate in città sotto la scorta dell'Esercito ammontano a 30. Da domani inizierà la campagna di vaccinazione su larga scala con 970 dosi disponibili.


CROTONE

Un'imbarcazione a vela con trentadue migranti a bordo è stata avvistata al largo dello Ionio e scortata al porto di Crotone da tre unità navali della Guardia di finanza.

23 DIC - Il natante, dopo una prima segnalazione ad una quarantina di miglia dalle acque territoriali italiane, è stato avvicinato da due unità del Roan di Vibo Valentia e da una pattuglia d'altura del Gruppo aeronavale di Messina. A bordo del bialbero di circa 15 metri, i finanzieri hanno trovato, nascosti sottocoperta, i migranti tra i quali una donna e due minori, di nazionalità iraniana e irachena. Al timone c'erano i presunti scafisti, tre cittadini di nazionalità moldava.


CATANZARO

In Calabria, nel primo semestre 2020, sono stati 533 i casi di frode creditizia registrati, dato che posiziona la regione al 10° posto della graduatoria nazionale.

21 DIC - Lo rileva l'ultimo aggiornamento dell'Osservatorio sulle Frodi Creditizie e i furti di identità realizzato da Crif-MisterCredit.
Il maggior numero di episodi è stato registrato in provincia di Reggio Calabria che con 194 casi occupa la nona posizione del ranking. I casi rilevati a Cosenza sono stati 162 contro i 72 di Catanzaro, i 55 di Crotone e i 50 di Vibo Valentia.
Tra le forme tecniche di credito privilegiate per mettere in atto eventi fraudolenti spiccano i prestiti finalizzati all'acquisto di beni e servizi (quali auto, moto, articoli di arredamento, elettronica ed elettrodomestici, energie rinnovabili, ecc), che continuano a rappresentare la metà del totale. Al secondo posto per numerosità si trovano le frodi sulle carte di credito, che spiegano un quinto del totale delle frodi (precisamente il 20,4%), seguite da quelle legate ai prestiti personali, in aumento rispetto allo scorso anno, con una quota del 10,6%. Un vero e proprio boom riguarda poi i finanziamenti fraudolenti tramite fidi di conto, che, anche se rappresentano solamente il 3,6% del totale dei casi, risultano più che raddoppiati rispetto ai primi sei mesi del 2019.


CATANZARO

Dpcm di Natale, Conte: "Italia zona rossa nei festivi e prefestivi dal 24 dicembre al 6 gennaio"

18 DIC - "Le misure della divisione a zone hanno funzionato e ci hanno consentito di evitare il lockodwn generalizzato. Tant'è che nei prossimi giorni tutte le regioni potrebbero rientrare nell'area gialla. La situazione però rimane difficile e in tutta Europa. E tra i nostri esperti c'è forte preoccupazione che nel periodo natalizio la curva dei contagi possa subire un'impennata". Così il premier Giuseppe Conte ha presentato il decreto di Natale e Capodanno. La Sicilia, come il resto d'Italia, sarà zona rossa dal 24 dicembre al 6 gennaio nei giorni festivi e pre-festivi: il 24, 25, 26, 27, 31 dicembre, 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio. "
Si esce di casa solo per ragioni di lavoro, necessità e salute - ha detto Conte -. Possiamo ricevere fino a 2 persone non conviventi dalle 5 alle 22. L'idea di consentire lo spostamento di due persone alla volta è stata presa "per consentire quel minimo di socialità che si addice a questo periodo. Fino alle 22 sono possibili le funzioni religiose. Per venire incontro a comuni fino a 5000 abitanti fino a 30 km ma non nei capoluoghi di provincia. Rimangono chiusi bar e ristoranti tranne che per asporto e consegne a domicilio. I negozi saranno aperti fino alle 21".
L'Italia sarà dunque rossa per tutti i festivi e prefestivi fino alla Befana, con i negozi, i bar e i ristoranti chiusi e il divieto di uscire da casa propria se non per motivi di lavoro e salute. Dopo giorni di discussioni, il governo ha così varato la nuova stretta per evitare che i pranzi e le cene delle feste facciano da detonatore per una terza ondata a gennaio e febbraio. Le misure sono contenute in un decreto legge di 3 soli articoli che il Consiglio dei Ministri ha approvato dopo una lungo confronto all'interno del governo e con le Regioni. Stanziati 645 milioni per i ristori da destinare a bar e ristoranti costretti a chiudere fino al 7 gennaio. "Abbiamo stanziato 645 milioni a favore dei ristoranti e bar che dal 24 dicembre al 6 gennaio saranno costretti alla chiusura - spiega Conte - Riceveranno il 100% di quanto già ricevuto su base decreto rilancio"


CATANZARO

Ex consigliere regionale della Calabria indagato per peculato e corruzione

15 DIC - Beni per oltre 37 mila euro sono stati sequestrati, su disposizione del gip di Catanzaro, all'ex consigliere regionale della Calabria Claudio Parente, di 54 anni, fino allo scorso gennaio presidente del gruppo consiliare di Forza Italia, indagato dalla Procura di Catanzaro per peculato e corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio. Il sequestro è stato effettuato dai finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro.


VIBO VALENTIA

'Ndrangheta: preso latitante vibonese sfuggito alla cattura in "Rinascita-Scott"

05 DIC - I carabinieri del Comando provinciale di Vibo Valentia hanno arrestato Rosario Pugliese, di 54 anni, detto "Saro Cassarola" latitante da un anno dopo essere sfuggito alla cattura nell'ambito della maxi operazione contro le cosche di 'ndrangheta del vibonese "Rinascita Scott". E' ritenuto il capo di una delle cosche, "Cassarola" appunto, operanti a Vibo Valentia.
Il suo nome figura nell'elenco delle persone rinviate a giudizio due giorni fa dal gup distrettuale di Catanzaro. E' accusato di associazione mafiosa.
Nel febbraio scorso, i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Vibo Valentia avevano eseguito un'ordinanza di custodia cautelare a carico di quattro persone coinvolte in due consistenti ritrovamenti di armi risalenti al 2019 ed al 6 febbraio 2020 e già detenute per l'operazione "Rinascita-Scott", ritenuti appartenenti alla cosca "Pardea-Ranisi". Le armi trovate, fucili automatici e pistole, oltre a munizioni e giubbotti anti-proiettili, secondo gli investigatori dovevano essere utilizzate per uccidere proprio Pugliese.
Quando ha visto i carabinieri del Nucleo investigativo e dello squadrone "Cacciatori" davanti a sé, non ha proferito parola, ma è rimasto palesemente sorpreso. Rosario Pugliese, alias "Saro Cassarola", il latitante arrestato stamani, era ricercato dal 19 dicembre dello scorso anno. Era uno dei pochi riusciti a scampare alla cattura la mattina di "Rinascita-Scott".
È stato individuato con metodi tradizionali: appostamenti e pedinamenti di persone a lui vicine. Una volta individuato il nascondiglio, i carabinieri stamani sono entrati in azione. L'uomo si nascondeva in un appartamento di Bivona, frazione di Vibo, dotato di tutti i comfort. Una latitanza quasi dorata per il capo dell'omonimo gruppo criminale che i Pardea-Ranisi e Mommo Macrì volevano uccidere e che proprio l'operazione dei carabinieri e della Dda di Catanzaro dello scorso anno sono riusciti ad impedire arrestando anche chi quell'omicidio lo aveva progettato e stava per compierlo.
"Un grosso step che arriva dopo la tenuta a livello probatorio della nostra indagine. Quello di oggi è l'ennesimo colpo inferto alla criminalità vibonese dalle forze dell'ordine che non si adagiano sugli allori ma continuano a lavorare sul piano investigativo". A dirlo è stato il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, incontrando i giornalisti dopo l'arresto del latitante Rosario Gratteri ricercato per l'inchiesta Rinascita Scott e rinviato a giudizio due giorni fa insieme ad altri 354 imputati. "Non era concepibile -ha aggiunto - che su questo territorio ci potessero essere latitanti di rilevante spessore. Per noi la priorità è anche questo per due ovvi motivi: sono soggetti pericolosi in quanto fuori controllo e necessitano di protezione e tale esigenza può portarli a minacciare le persone; il secondo aspetto è che essere latitanti sul proprio territorio significa esternazione del potere, forma di arroganza, quindi per noi è un valore aggiunto e dimostra che noi ci siamo". FONTE: ANSA.


CATANZARO

Sono stati tutti rinviati a giudizio dal gup Claudio Paris i 355 imputati che hanno optato per il rito ordinario nel maxi-processo "Rinascita-Scott"

03 DIC - Tutti rinviati a giudizio dal gup Claudio Paris i 355 imputati che hanno optato per il rito ordinario nel maxi-processo "Rinascita-Scott", istruito dalla Dda di Catanzaro, diretta da Nicola Gratteri, contro le cosche di 'ndrangheta del Vibonese e i loro sodali, tra i quali esponenti del mondo politico e dell'imprenditoria.
Il maxi-processo inizierà il 13 gennaio davanti al Tribunale di Vibo Valentia nell'aula bunker allestita nel polo industriale di Lamezia Terme, che è in fase di ultimazione.
Sono 89 gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato. Per loro il processo avrà inizio, invece, a Lamezia il prossimo 27 gennaio.
Agli imputati rinviati a giudizio si uniranno le posizioni dell'avvocato ed ex parlamentare Giancarlo Pittelli, l'imprenditore Mario Lo Riggio, l'ex sindaco di Nicotera Salvatore Rizzo e l'avvocato Giulio Calabretta, che hanno chiesto il giudizio immediato. Rinviato a giudizio, tra gli altri, anche l'ex consigliere regionale Nicola Adamo accusato di traffico di influenze illecite.
Tra gli imputati c'è anche l'ex assessore regionale Luigi Incarnato, e l'ex sindaco di Pizzo, Gianluca Callipo.
Gli imputati dovranno rispondere, a vario titolo, di oltre 400 capi di imputazione, tra i quali associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, tentato omicidio, omicidio, estorsione, detenzione illegale di armi ed esplosivo, ricettazione, traffico di influenze illecite, rivelazione e utilizzazione di segreto d'ufficio, abuso d'ufficio aggravato e traffico di droga.


ARGENTINA

La morte di Diego Armando Maradona.

25 NOV - La notizia è stata data dal 'Clarin' riferisce che la morte sarebbe dovuta ad arresto cardiorespiratorio mentre si trovava nella casa di Tigres, zona alla periferia Di Buenos Aires dove si era trasferito dopo essere stato dimesso dalla clinica dov'era stato operato al cervello. Sul posto sono poi sopraggiunte tre ambulanze.
Napoli piange il suo campione, proclamato il lutto cittadino.
L'Equipe, il giornale francese di calcio, titola 'la morte di un Dio'. Come nel resto del mondo, ma naturalmente ancora di più, è choc a Napoli: la notizia, alla quale molti stentano a credere, è rimbalzata sui telefonini e sui social.
La morte di Diego Maradona è stata annunciata anche nell'Aula del Senato. "Non so se è opportuno, ma lo faccio, devo purtroppo annunciare che è scomparso Maradona, il calciatore che credo in Italia abbia molto influito sulla passione per questo sport. Alla famiglia e ai tifosi che lo hanno amato le mie condoglianze": queste le frasi di Ignazio La Russa, dallo scranno di presidente di turno del Senato, durante i lavori a Palazzo Madama.


CALABRIA

La7 e Giletti rievocano il mistero della morte di Consolato Campolo

16 NOV - Chi era Consolato Campolo? Era uno dei professionisti chiamati dall'ex commissario Massimo Scura (che ha scritto un libro di denuncia sulla Sanità Calabrese) a formare una task force che stava cercando di mettere in ordine i conti della sanità calabrese e che muore prima di finire il suo compito. Ufficialmente sembra sia morto di infarto ma questa versione presenta molte stranezze. Gaetano Pecoraro, de Le Iene, ha indagato su questa morte. Ieri sera nella trasmissione "Non è l'Arena" condotta da Massimo Giletti è stata riproposta la storia.
Consolato Campolo è morto lo scorso anno in Calabria per cause non del tutto chiare, mentre cercava di chiarire sprechi di denaro che si erano verificati nell'ASP di Reggio Calabria, resi possibili perché in alcuni casi non esisteva un bilancio. I soldi che arrivavano dallo Stato venivano spesi senza sapere come: un modo perfetto per farli finire nelle mani sbagliate, o ancora cosa più grave è che in quegli ospedali mancava e manca proprio la contabilità, cioè non vengono trascritte le spese e i pagamenti.
Se una fattura viene pagata ma non entra in contabilità, il creditore può richiedere che venga pagata di nuovo e l’ospedale, non potendo dimostrare il pagamento precedente, paga ancora. Secondo voci di corridoio: “C’erano fatture pagate tre-quattro volte”. Altri pagamenti invece sarebbero stati ritardati, così il creditore accumulava gli interessi commerciali: “E’ come mettere i soldi in una banca che dà il 9% di interessi l’anno”. Consolato Campolo sembra stesse riuscendo a risolvere questa situazione contabile, poco limpida, che conveniva a tutti tranne che alle casse dello stato. Era il capo di una task force amministrativa costruita per affrontare il problema. Nove mesi dopo il suo insediamento muore, però, dopo una cena con un personaggio misterioso, stroncato da un infarto.
Vincenzo Ferrari, un dirigente della Regione Calabria che si occupa di controllo gestione ci parla dell’operato di Campolo: “Stava mettendo ordine, presto si sarebbe potuti partire da numeri certi e arrivare gradualmente a una soluzione. A me raccontava di qualcuno che gli diceva di non essere così efficace e anche di qualcuno che l’ha minacciato direttamente”.
Nessuna autopsia è stata disposta sul corpo di Consolato Campolo. La sua ex compagna ha raccontato cosa era successo la notte della sua morte: “Consolato è tornato a casa dopo essere stato a cena. Ha detto subito che si sentiva male, aveva dolori fortissimi alle mascelle e alla testa”.
Si recano d'urgenza al pronto soccorso dove i medici dicono che è tutto nella regola. Però Campolo continua a stare male, al pronto soccorso “vomita nero”, racconta ancora la compagna. Mentre aspettavano i risultati di altre analisi, Consolato piega la testa indietro e muore. I medici parlano di arresto cardiaco.Il figlio di Campolo chiede se fosse stato fatto un esame tossicologico, ma la dottoressa che l’ha seguito quella notte dice che “non c’era nessun motivo di farlo”.
La Iena ha intervistato una tossicologa che ci spiega alcune cose sui veleni: “Di fronte a una morte così è indispensabile capire cos’è successo. Avvelenare una persona senza che se ne accorga è molto semplice, soprattutto se sono a cena”. Oggi dopo sei mesi l’unico modo per avere tracce dell’ipotetico veleno è esaminare i capelli o i peli inguinali, ma “se l’esame fosse stato fatto subito gli organi interni ci avrebbero detto molto di più”.
L'autopsia viene fatta un anno dopo, ma dell'esito, come sottolinea la Iena, ancora non se ne sa nulla!


MOSCA

Vincenzo Trani è stato il primo italiano a farsi iniettare lo Sputnik 5, il vaccino russo contro il coronavirus

14 NOV - Il Presidente Camera di Commercio Italo-Russa a "Stasera Italia" racconta la sua esperienza: "Ci ho pensato attentamente prima di fare il vaccino - dice - il motivo principale per cui l'ho fatto è che questo virus è molto pericoloso".
Vaccino russo, il primo italiano che lo ha provato: "In Russia la lista di persone che vogliono sottoporsi allo Sputnik è enorme"© TgCom24 Vaccino russo, il primo italiano che lo ha provato: "In Russia la lista di persone che vogliono sottoporsi allo Sputnik è enorme".
A Trani è già stata somministrata la prima dose, al momento è sotto osservazione medica e non ha febbre: "Tra le due dosi bisogna effettuare degli esami per vedere se sono stati sviluppati gli anticorpi - spiega - ma in Russia la lista di persone che vogliono sottoporsi al vaccino è enorme".


CALIFORNIA

E' morto Eddie Van Halen leggenda del rock mondiale

06 OTT - Il chitarrista, considerato tra i più influenti della storia dell'hard rock e heavy metal, aveva formato la band nel 1972 insieme al fratello Alex, cui si unirono poi il bassista Michael Anthony e il cantante David Lee Roth. Da tempo era malato di cancro.
Eddie van Halen, leggenda del rock mondiale, è morto a causa di un cancro alla gola, che stava cercando di curare da tempo. Aveva appena 65 anni. Forti vicine al musicista hanno fatto sapere che è scomparso al St. John's Hospital a Santa Monica, in California. La moglie, Janie, si trovava al suo capezzale insieme al figlio Wolfgang e ad Alex, il fratello maggiore e batterista con il quale, nel 1972, aveva formato i Van Halen.
Nelle ultime 72 ore, come riportato nel bollettino sanitario, era stata segnalata una progressiva espansione del tumore che, dal collo, di era propagatosi fino al cervello.
Pesante fumatore, nonostante cinque anni fa abbia tentato tutto il possibile per sconfiggere il tumore recandosi in Germania in un istituto specializzato per una serie di trattamenti di radioterapia, da sempre pensava che la malattia lo avesse colpito per via del plettro di metallo che aveva l'abitudine di tenere in bocca.
Tuttavia, anche se sofferente, van Halen non aveva smesso di andare ai concerti - amava moltissimo i Tool - salendo sul palco sempre con una grande energia insieme al figlio, che nel 2006 era diventato il nuovo bassista dei Van Halen.



Dal Mondo
Al 22 Gennaio 2021 secondo i dati presi dal sito della Worldometers.info alle ore 17:00, i casi confermati di Coronavirus nel Mondo hanno superato 98 milioni di persone, precisamente:
Casi Positivi 98.339.042,
Decessi Totali 2.106.375,
Ricoverati 70.671.873
Casi Attivi 25.560.794,
Pazienti attualmente infetti in condizioni lievi 25.449.475 (circa il 99.6%), in condizioni gravi o critiche 111.319 (0.4%).
Guarda sul sito della John Hopkins University la Mappa Aggiornata del Coronavirus nel Mondo.


Jackie Venson è una cantautrice e chitarrista americana di Austin, in Texas.


Si è laureata al Berklee College of Music nel 2011. Venson ha pubblicato due album in studio, The Light In Me (2014) e Joy (2019).
Venson è nata ad Austin, in Texas. È cresciuta come la più giovane di nove fratelli. Suo padre, Andrew Venson, ha lavorato per 40 anni come eminente musicista professionista prima di andare in pensione. La madre di Venson l'ha incoraggiata a iniziare a suonare il piano all'età di otto anni. Venson non era molto disciplinato nella pratica, osservando: "Mi ci sono voluti tre anni per concentrarmi abbastanza su dove potevo mettere le mani insieme sul pianoforte, e mi ci sono voluti altri due anni e mezzo o tre anni dopo per vuoi anche esercitarti per più di 45 minuti alla volta, cosa che devi fare se vuoi imparare a fare qualcosa".
Ci vollero altri tre anni a Venson per potersi concentrare sul suonare per "tre o quattro ore di fila come un musicista che lavora". Venson considera suo padre musicista una grande influenza:
Ebbene mio padre è un musicista professionista ed è stato il mio esempio. A molte persone piace la musica e pensano di avere un'affinità con essa, ma se nessun altro in famiglia lo fa, a volte non la vedono come una possibilità. Avere mio padre come musicista professionista, è come ... puoi farlo, è difficile ma puoi farlo.
Venson ha frequentato il Berklee College of Music, dove si è specializzata in composizione e produzione in studio. Venson ha detto di aver avuto una brutta esperienza a Berklee con l'ambiente ultra competitivo favorito dallo staff, descrivendolo come "American Idol the school". "Berklee è stato davvero difficile per me", ha ricordato Venson. "Mi aspettavo che fosse una cosa ed è finita per essere un'altra cosa e sono stata davvero depressa probabilmente per tutto il tempo in cui sono andata lì. Non ho davvero suonato affatto." A un incontro sociale, Venson è rimasta ispirata dalla facilità con cui un compagno di scuola suonava la chitarra, notando che lo studente "sembrava che si stesse divertendo così tanto, e io ero tipo, 'Amico, non mi diverto così tanto a fare nulla di legato alla musica'". Ha deciso di dedicarsi alla chitarra e ha iniziato a imparare lo strumento nel 2011, durante il suo ultimo anno alla Berklee. I suoi studi di pianoforte e la teoria musicale che ha imparato a scuola hanno aiutato Venson ad adattarsi al nuovo strumento.
Le influenze di Venson includono Buddy Guy, Sade e Alicia Keys. La sua voce è stata paragonata a quella di Joss Stone e Amy Winehouse. Il brano che qui proponiamo è "I will find a way":



Dall'Italia e dal Mondo: le news e gli avvenimenti principali delle ultime settimane

LA DENUNCIA DELLA VIROLOGA LI-MENG YAN

“So che devo fare in fretta, prima che mi ammazzino”, dice la virologa cinese LI-MENG YAN a Telecinco. Questo quasi un anno dopo i primi casi dichiarati, le ipotesi restano tutte aperte, compresa quella di un virus nato in laboratorio… Nel dramma globale che i competenti chiamano asetticamente “seconda ondata del Covid-19”, la domanda sull'origine del coronavirus a Wuhan continua a non interessare né l’opinione pubblica, né i governi, né i dirigenti politici.

Eppure si tratta di un interrogativo essenziale, non solo per accertare l'insieme di responsabilità politiche che ha fatto ammalare il mondo, ma anche perché potrebbe rappresentare un’informazione utile alla ricerca di una soluzione. Se non bisogna dimenticare gli sforzi degli scienziati di provare a trovare una soluzione al problema, non va altresì dimenticato che il terreno su cui si misurano i tecnici è falsato dalla natura autoritaria del regime cinese e dalle complicità dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. La virologa Li-Meng Yan ha denunciato a più riprese proprio questi due fattori da quando, lo scorso aprile, è stata costretta a lasciare Hong Kong alla volta degli Stati Uniti, dopo le minacce ricevute da ambienti governativi. Giovedì sera Li-Meng Yan ha rilasciato all’emittente televisiva spagnola Telecinco la sua prima intervista europea, in cui ha ribadito la propria versione dei fatti, in poche parole che il virus è stato prodotto artificialmente in laboratorio come arma biologica. Bastano queste affermazioni per capire fino a che punto la ricercatrice sia un personaggio controverso, oggetto di critiche, denigrazioni e censure (Twitter ha eliminato il suo account dopo la pubblicazione del paper incriminato, lei recentemente ne ha aperto un altro). Ma, se dal punto di vista strettamente scientifico le sue deduzioni sono generalmente rigettate a Li-Meng Yan va comunque riconosciuto il merito di aver messo l’accento su una serie di punti oscuri che continuano a corrompere la versione politicamente corretta della pandemia, cioè quella che il governo cinese ha fornito e la comunità internazionale ha silenziosamente accettato. L’interesse del personaggio risiede più nelle domande che pone che nelle risposte che fornisce, ma è proprio per questo che i tentativi di chiuderle la bocca destano sospetti... Leggi l'articolo originale...



La Calabria è un susseguirsi di bianche spiagge incantevoli, molte delle quali presentano distese di sabbia finissima e dorata, che si alternano a tratti di scogliera bagnate da placide e calde acque cristalline.

Da nord a sud, da est ad ovest, dal Tirreno allo Ionio, si distinguono per bellezza Caminia, Capo Rizzuto, Capo Vaticano, Diamante, Roccella Jonica, San Nicola Arcella, Soverato, Tropea solo per citare le più famose.



La Calabria non è soltanto mare e spiagge, è anche montagna e colline: a nord si distingue il Massiccio del Pollino, e più giù l'Altopiano della Sila, mentre a sud si trova l'impervio Aspromonte. Sulle montagne della Calabria sorgono degli importanti centri turistici con impianti moderni e all'avanguardia per la pratica degli sport invernali, ma anche per il turismo estivo. Tra i centri turistici vanno ricordati Camigliatello Silano, Lorica, Villaggio Palumbo in Sila e Gambarie in Aspromonte.

La Calabria vanta un ricco patrimonio idrotermale: "Le Terme Sibaritide" con acque sulfuree molto curative che si trovano a Cassano Allo Ionio; le "Terme di Spezzano" che sono collocate in un parco termale nelle colline della piana di Sibari; le "Terme Luigiane" conosciute come il più antico centro termale calabrese nei pressi del comune di Acquappesa; le "Terme di Caronte" che sorgono a Lamezia Terme; le "Terme di Galatro" che sono situate nell'omonimo comue sulle rive del fiume Metramo in provincia di Reggio Calabria ed infine le "Terme di Antonimina" immerse tra vigneti e piante di gelsomini nel Comune di Antonimina in provincia di Reggio Calabria.

Calabria & Turismo News

Cronaca Calabrese

ClickBank University 2.0

ClickBank University

Cosa aspetti a far decollare il tuo business. Esiste un portale in cui degli esperti ti mostrano come sviluppare il tuo business e guadagnare o promuovendo la tuà attività oppure affiliandoti a ClickBank. La guida ufficiale al copywriting di ClickBank: "77 Suggerimenti per accelerare il successo del tuo copywriting di ClickBank".

Senza i "segreti degli addetti ai lavori" che affronti, resterai a grattarti la testa sul motivo per cui i tuoi concorrenti stanno facendo centinaia di vendite al giorno mentre devi ancora realizzarne uno solo.

The Official ClickBank Copywriting Guide: "77 Surefire Tips to Accelerate Your ClickBank Copywriting Success" !!!
Without the ‘insider secrets’ you face being left scratching your head at why your competitors are pulling in hundreds of sales a day while you have yet to make a single one.

E, naturalmente, imparerai come i giganti di ClickBank stanno guadagnando diversi milioni di dollari ogni anno con i loro eBook super convenienti.

And of course, you’ll learn how the ClickBank giants are pulling in several million dollars each year with their super-affordable eBooks.

The secret is in what lies below…


Il segreto sta in ciò che sta sotto ...


Scopri come guadagnare con il programma di affiliazione e vendita di ClickBank: Clicca su questo link!


I Mercati Bagnati di Wuhan...

Anche se la città cinese di Wuhan emerge dal suo blocco di 76 giorni, l'Huanan Seafood Wholesale Market, dove a dicembre è stato rilevato il primo gruppo di COVID-19 , rimane chiuso e pesantemente sorvegliato. Gli altri cosiddetti "mercati bagnati" di Wuhan, tuttavia, sono tornati in attività quando i residenti si adeguano a una nuova normalità. ABC News ha visitato uno dei più grandi mercati della città, il Baishazhou Agricultural Products Market, che è rimasto aperto durante lo scoppio per fornire prodotti freschi ai residenti di Wuhan messi in quarantena all'interno delle loro case. Secondo il China Daily, un quotidiano inglese di proprietà statale, 2.300 tonnellate di prodotti freschi e carne venivano acquistati quotidianamente al mercato Baishazhou al culmine del blocco di Wuhan a metà febbraio. Gli acquisti sono stati consegnati alle comunità residenziali locali e poi distribuiti nelle case da volontari.

Musica & Pubblicità:

I won't hold you back of Toto



Verso Picco di Petrolio per il 2030...

Opec. Per giustificare le sue affermazioni, l'OPEC tiene conto in particolare della crescita che farà fatica a riprendersi dopo questa crisi con solo lo 0,7% all'anno entro il 2025 per i Paesi OCSE contro il 2,1% prima della pandemia e solo il 3,4% all'anno per gli altri Paesi, anch'esso inferiore alle precedenti previsioni. Si prevede che la Cina e l'India genereranno insieme quasi il 40% del PIL mondiale nel 2045 e l'OCSE solo il 31% rispetto all'attuale 43%.

Il numero di persone sulla Terra raggiungerà 9,5 miliardi e il numero di veicoli in circolazione toccherà i 2,6 miliardi con un consumo giornaliero di energia primaria di 361,3 milioni di barili di petrolio. Ma solo un quarto di questa energia verrà dall'oro nero, il resto dal gas e dal carbone.

La domanda di petrolio dei paesi OCSE dovrebbe diminuire di 13 milioni di barili al giorno prima del 2045, in particolare in Europa. La domanda non Ocse continuerebbe a crescere di 22,2 milioni di barili al giorno nello stesso periodo, di cui oltre la metà proveniente dall'India, seguita dalla Cina e il resto dall'Asia. Per quanto riguarda i settori che consumeranno più petrolio, troveremo il petrolchimico, l'aviazione e il trasporto su strada.

Omaggi a Samuel Paty sulla promenade des Anglais a Nizza

Nizza 22 Ottobre 2020
"Il professore identificato dal killer con l'aiuto di due minori".
Gli adolescenti avrebbero ricevuto 300 euro per indicarlo all'assassino. Tra le sette persone citate in giudizio ci sono anche il genitore di uno studente e l'attivista islamista radicale Abdelhakim Sefrioui
Secondo il pubblico ministero, Abdoullakh Anzorov, il presunto assassino, ha informato i due studenti di voler "umiliare e picchiare" Samuel Paty e "costringerlo a chiedere perdono" per aver mostrato le caricature del profeta Maometto. "Perseguire due minorenni per un caso di terrorismo non è una cosa inedita ma fa riflettere", ha aggiunto il magistrato.
L'indagine sull'omicidio di Samuel Paty è stata affidata a un magistrato che indaga per "complicità in omicidio terroristico" e "associazione a delinquere terroristica", e prende di mira in particolare il genitore di uno studente e l'attivista islamista radicale Abdelhakim Sefrioui. Lo ha detto mercoledì in conferenza stampa il procuratore anti-terrorismo Jean-François Ricard.
Abdoullakh Anzorov, l'assassino di Samuel Paty , era in contatto con un jihadista in Siria, Franceinfo ha appreso giovedì (22 ottobre) da fonti concordanti, confermando le informazioni di Le Parisien.
Secondo le informazioni di franceinfo, il 18enne russo ceceno è entrato in contatto con questo jihadista di Idlib tramite il social network Instagram a metà settembre. Gli inquirenti cercano di ripercorrere le tappe della radicalizzazione dell'aggressore e della possibile complicità diretta nel suo progetto terroristico.
Secondo uno dei suoi amici, incriminato in questo caso per complicità in un assassinio terroristico, Abdoullakh Anzorov si era radicalizzato "da diversi mesi" . Oltre a questo amico, sono state incriminate altre sei persone tra cui due studenti universitari. Mercoledì, la Procura nazionale antiterrorismo ha aperto un'indagine giudiziaria per "complicità in omicidi terroristici" e "associazione a delinquere terroristica", ha annunciato ilprocuratore Jean-François Ricard.
Chi è l'aggressore?
Nato a Mosca, arrivato in Francia all'età di sei anni, Abdoullakh Anzorov aveva ottenuto a marzo un permesso di soggiorno, valido fino a marzo 2030. Aveva lo status di rifugiato e viveva a Évreux, nella regione dell'Eure. I suoi vicini descrivono un giovane "discreto" , "immerso nella religione" da tre anni.

Evoluzione del Corona Virus...

Roma. Dai dati presi dal sito del "Ministero della Salute" alle ore 17 del 22 Gennaio 2021, i casi del Coronavirus accertati risultano:

2.441.854 (+13.633) il totale delle persone che hanno contratto il virus di cui:
502.053 (-14.515) le persone positive;
84.674 (+472) i deceduti;
1.855.127 (+27.676) i dimessi/guariti.

Totale casi (attuali) [incremento] per Regioni:
Lombardia: 522.364 (53.215) (+1.969)
Veneto: 303.687 (49.850) (+1.198)
Piemonte: 216.127 (13.356) (+849)
Campania: 211.803 (62.133) (+1.106)
Emilia-Romagna: 207.925 (51.211) (+1.347)
Lazio: 195.340 (71.446) (+1.141)
Toscana: 129.813 (8.202) (+429)
Sicilia: 127.719 (47.289) (+1.355)
Puglia: 114.133 (54.547) (+1.018)
Liguria: 67.102 (4.518) (+313)
Friuli Venezia Giulia: 63.154 (12.090) (+452)
Marche: 51.981 (8.271) (+437)
Abruzzo: 40.343 (10.499) (+318)
Sardegna: 36.685 (17.003) (+212)
P.A. Bolzano: 35.637 (13.041) (+510)
Umbria: 33.490 (4.880) (+305)
Calabria: 30.459 (10.106) (+368)
P.A. Trento: 25.893 (2.045) (+179)
Basilicata: 12.735 (6.969) (+51)
Molise: 7.749 (1.051) (+57)
Valle d'Aosta: 7.715 (331) (+19)

Aggiornamenti Coronavirus in Calabria

Regione Calabria.
PCM/DPC dati forniti al 22 Gennaio 2021 alle ore 17:00 dal Ministero della Salute per la Regione Calabria* (in attesa di conferma) :

In Calabria risultano:
278 (ricoverati con sintomi)
24 (terapia intensiva)
302 (ospedalizzati)
9.804 (isolamento domiciliare)
10.106 (totale attualmente positivi)
368 (nuovi positivi)
19.795 (dimessi/guariti)
558 (deceduti)
0 (casi da sospetto diagnostico)
0 (casi da screening)
30.459 (casi totali)
469.935 (casi testati)
494.764* (tamponi)
.

In Calabria con riferimento alle ore 17:00 del 22 Gennaio 2021, sono stati sottoposti a test 469.935 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 494.764 (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test).
Le persone risultate positive al Coronavirus sono 30.459 (+368 rispetto a ieri), di queste 439.476 sono quelle negative secondo i dati diffusi dalla Regione Calabria .


Sono questi i dati giornalieri relativi all'epidemia da Covid-19 comunicati dal dipartimento Tutela della Salute. Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

Catanzaro: CASI ATTIVI 2.022 (23 in reparto all'AO di Catanzaro; 6 in reparto al presidio di Lamezia Terme; 21 in reparto all'AOU Mater Domini; 7 in terapia intensiva; 1.965 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 2.537 (2.452 guariti, 85 deceduti).

Cosenza: CASI ATTIVI 4.357 (59 in reparto AO di Cosenza; 14 in reparto al presidio di Rossano;14 al presidio ospedaliero di Acri; 14 al presidio ospedaliero di Cetraro; 13 all'Ospedale da Campo; 10 in terapia intensiva, 4.233 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 4.515 (4.277 guariti, 238 deceduti).

Reggio Calabria: CASI ATTIVI 2.394 (77 in reparto all'AO di Reggio Calabria; 2 in reparto al P.O di Gioia Tauro; 7 in terapia intensiva; 2.308 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 9.162 (9.002 guariti, 160 deceduti).

Crotone: CASI ATTIVI 334 (18 in reparto; 316 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 2.204 (2.164 guariti, 40 deceduti).

Vibo Valentia: CASI ATTIVI 906 (17 ricoverati, 889 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 1.669 (1.634 guariti, 35 deceduti).

Altra Regione o Stato estero: CASI ATTIVI 93 (93 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 266 (266 guariti).
I casi confermati oggi sono così suddivisi: Cosenza 134, Catanzaro 110, Crotone 1, Vibo Valentia 20, Reggio Calabria 103, Altra Regione o Stato estero 0.
Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 226.
Ottanta dei positivi del setting fuori Regione/ Stato estero sono inseriti nel totale dei casi dell'Asp di Cosenza in quanto ne monitora l'andamento.

*Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.



Una discussione sulla tutela della salute mentale durante la pandemia COVID-19.

Coronavirus: guida per una migliore salute mentale Vi consigliamo di visitare il sito www.rehab4addiction.co.uk, in lingua inglese, per i particolari di questo articolo veramente interessante di cui vi proponiamo un breve riassunto:

Durante la pandemia COVID-19, ci saranno molte informazioni sul virus e sui suoi effetti sulla salute mentale. Questo perché il coronavirus e le implicazioni sociali, finanziarie e psicologiche che comporta possono avere un serio impatto sul benessere mentale. La legislazione del governo, la copertura dei mass media e il crescente numero di morti a livello mondiale causeranno molto stress, soprattutto per la popolazione anziana, i bambini e le persone con una storia di problemi di salute mentale. È della massima importanza cercare di rimanere il più composti possibile durante questo periodo. La paura e l'ansia che attanagliano le nazioni sono contagiose, se non di più, della malattia stessa... Leggi il seguito

Robert F. Kennedy Junior contro la campagna vaccinale globale di Bill Gates

Robert F. Kennedy Junior, nipote del Presidente J.F. Kennedy e figlio del fratello Robert, sta conducendo una dura battaglia contro la campagna vaccinale globale di Bill Gates, battaglia che merita di avere spazio ed essere seguita con attenzione perché solo la massima libertà di critica e di informazione ci può tutelare dal rischio che la salute della popolazione mondiale possa essere subordinata a interessi poco trasparenti. Di seguito la denuncia di Robert F. Kennedy Junior su Children’s Health Defense.

I vaccini, per Bill Gates, sono un business filantropico strategico che alimenta la sua innumerevole serie di altre attività legate ai vaccini (tra cui l’ambizione di dominare attraverso la Microsoft l’industria globale di identificativi vaccinali digitali), e che gli conferisce un potere dittatoriale sulla politica sanitaria globale.

L’ossessione di Gates per i vaccini sembra alimentata dalla sua convinzione di salvare il mondo tramite la tecnologia. Promettendo di eradicare la poliomielite, con la sua quota di 450 milioni su un capitale di 1,2 miliardi di dollari, Gates ha preso il controllo del National Technical Advisory Group of Imunizatione (NTAGI) Indiano e ha imposto un esteso piano di vaccini antipolio attraverso programmi di immunizzazione successivi per tutti i bambini sotto i 5 anni.

I medici indiani hanno incolpato la campagna di immunizzazione di Gates per la devastante epidemia di paralisi flaccida acuta non-polio (NPAFP) che ha reso paralitici 496.000 bambini tra il 2000 e il 2017, molto oltre quelli che sono i dati normalmente attesi. Nel 2017, il governo indiano ha annullato il regime vaccinale di Gates ed estromesso Gates e i suoi programmi vaccinali dall’India. I tassi di paralisi da poliomielite sono diminuiti immediatamente.

Nel 2017, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ammesso con riluttanza che l’esplosione globale della poliomielite è prevalentemente causata dal ceppo vaccinale. Le epidemie più violente avvenute in Congo, nelle Filippine e in Afghanistan sono tutte legate ai vaccini. Nel 2018, il 70% dei casi globali di poliomielite sono stati causati dai vaccini.

Nel 2014, la Fondazione Gates ha finanziato dei test di laboratorio per vaccini sperimentali per l’HPV, sviluppati da GSK e Merck, su 23.000 ragazze in remote province rurali indiane. Circa 1.200 di loro hanno riportato gravi effetti collaterali, tra cui malattie autoimmuni e infertilità. Sette ragazze sono morte.

Dalle indagini del governo indiano è emerso che i ricercatori finanziati da Gates hanno commesso gravissime violazioni etiche: pressioni sulle vulnerabili ragazze dei villaggi perché aderissero alla sperimentazione, prepotenze verso i genitori, moduli per il consenso falsificati, e rifiuto di cure mediche alle ragazze danneggiate. Il caso è attualmente all’esame della Corte Suprema indiana.

Durante la campagna MenAfriVac di Gates del 2002 nell’Africa sub-sahariana, gli operatori di Gates hanno vaccinato forzatamente migliaia di bambini africani contro la meningite. Circa 50 dei 500 bambini vaccinati ha sviluppato paralisi. I media sudafricani hanno commentato: “le cause farmaceutiche ci considerano cavie da laboratorio”. L’ex dirigente economico di Nelson Mandela, il Professor Patrick Bond, ha definito le pratiche filantropiche di Gates “spietate ed immorali“.

Nel 2010, Gates ha messo a disposizione dell’OMS $ 10 miliardi affermando: “Dobbiamo fare in modo che questo sia il decennio dei vaccini.” Nel 2014, l’Associazione Medici Cattolici del Kenya ha accusato l’OMS di sterilizzare chimicamente contro la loro volontà milioni di donne keniote con una campagna vaccinale “antitetanica”. Laboratori indipendenti hanno rinvenuto agenti sterilizzanti in ciascuno dei vaccini testati. Accuse simili sono state mosse dalla Tanzania, dal Nicaragua, dal Messico e dalle Filippine.

Uno studio del 2017 (Morgensen et al. 2017) ha dimostrato che il famoso vaccino antidifterite-tetano-pertosse acellulare (DTP) dell’OMS continua ad uccidere più bambini africani di quanti non ne uccida la stessa malattia che intende prevenire. Le bambine vaccinate hanno un tasso di mortalità 5 volte superiore rispetto a quello dei bambini non vaccinati.

L’OMS ha rifiutato di ritirare il letale vaccino, che continua ad infliggere a milioni di bambini africani ogni anno. In tutto il mondo, esperti in salute pubblica accusano Gates di dirottare fondi dell’OMS dai progetti che hanno dimostrato di prevenire realmente le malattie infettive, quali acqua pulita, igiene, nutrizione e sviluppo economico. La Gates Foundation spende in queste aree solo circa 650 milioni dei suoi 5 miliardi di dollari di budget. Dicono che devia le risorse dell’agenzia al servizio della sua personale filosofia secondo la quale la salute si ottiene solo con una puntura.

Oltre a usare la sua filantropia per controllare OMS, UNICEF, Gavi e PATH, Gates finanzia compagnie farmaceutiche private che producono vaccini e ha fatto una donazione di 50 milioni di dollari a 12 società farmaceutiche per accelerare lo sviluppo di un vaccino per il coronavirus. Nelle sue recenti apparizioni sui media, Gates si dimostra fiducioso del fatto che la crisi Covid-19 gli darà l’opportunità di imporre i suoi programmi vaccinali obbligatori anche sui bambini americani. Leggi la versione originale...

Oltre al vaccino Pfizer-BioNTech, Gates ritiene imminente l’autorizzazione per i candidati di Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson e Novavax

Oltre al vaccino Pfizer-BioNTech, Gates ritiene imminente l’autorizzazione per i candidati di Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson e Novavax, che potrebbe arrivare già a cavallo tra 2020 e 2021.

L’imprenditore ha inoltre lasciato intendere come altri preparati possano intraprendere un cammino simile, che potrebbe portarli verso una disponibilità a partire dalla seconda metà di marzo del 2021: “Credo che avremo circa sei vaccini approvati entro il primo trimestre del 2021. Le autorità di regolamentazione occidentali stanno facendo un ottimo lavoro, hanno condotto studi di terza fase in modo incredibilmente professionale, alla ricerca di eventuali effetti collaterali, esaminando scrupolosamente l’efficacia”, ha affermato in collegamento con il Singapore FinTech Festival.

La scorsa settimana, il Regno Unito è diventato il primo paese a dare l’approvazione all’uso di emergenza del vaccino Pfizer-BioNTech, mentre la Food and Drug Administration voterà giovedì la sua approvazione.

Gates - la cui omonima organizzazione, Bill & Melinda Gates Foundation, sostiene da tempo gli sviluppi sanitari globali comprese le vaccinazioni - si è congratulato con le autorità di regolamentazione per i “rapidi progressi” mostrati in questi mesi.

Ma - ha aggiunto - resta ancora molto lavoro da fare per garantire una distribuzione equa e un accesso garantito in tutti i Paesi, “specialmente in quelli meno sviluppati”.

La Bill & Melinda Gates Foundation sta già lavorando, di concerto con l’India’s Serum Institute, a produzione e distribuzione del vaccino anti-Covid targato AstraZeneca. In più, avanza simili trattative per i vaccini Novavax e Johnson & Johnson: “Spingiamo per un uscita il più presto possibile nel 2021, per far sì che anche nei Paesi in via di sviluppo la pandemia sarà già finita da un po’ nel 2022”. (Fonte: Money.it)




Rifiuti Pericolosi...

San Pietro a Maida (CZ). A San Pietro a Maida i Carabinieri della Compagnia di Girifalco, in data 21 ottobre 2020, con il supporto della locale Stazione Carabinieri Forestale, durante un servizio dedicato al contrasto dei reati in materia ambientale, ottenuto accesso nella sede di un'impresa attiva nella rivendita online di autovetture usate, hanno constatato l'accantonamento indebito di rifiuti speciali pericolosi costituiti da componenti di autoveicoli, in una porzione del parcheggio in terra battuta. L'area è stata posta sotto sequestro ed il titolare è stato deferito in stato di libertà all'autorità giudiziaria per gestione di rifiuti non autorizzata.

Canile abusivo...

Sant'Onofrio. Malnutriti, rinchiusi in delle gabbie all’acqua e al freddo, tra gli escrementi, la sporcizia, il cibo in decomposizione. È la scena che si sono trovati di fronte i Carabinieri della Stazione di Sant’Onofrio intervenuti su segnalazione di alcuni cittadini in una zona di campagna del paese ai piedi di Vibo Valentia. Hanno così scoperto un canile abusivo che ha portato alla denuncia dei proprietari, padre e figlio, i quali non avevano alcun titolo e alcuna autorizzazione per questo tipo di allevamento. ...Sul posto è intervenuto il personale veterinario dell’Azienda sanitaria provinciale, su allerta degli stessi Carabinieri, che, insieme al Comune, provvederà alle ulteriori ed eventuali sanzioni di tipo amministrativo. I cani presenti all’interno della struttura abusiva erano 28, di cui solo 10 dotati di microchip. Il canile è stato sequestrato e gli animali momentaneamente affidati ai proprietari dell’allevamento con la prescrizione di adempiere alla pulizia e di nutrirli in attesa degli altri provvedimenti degli enti preposti.

Porto di Gioia Tauro...

Gioia Tauro (RC). Il porto di Gioia Tauro è un porto italiano situato tra i comuni di Gioia Tauro e San Ferdinando, in Calabria, il porto è vicino alla rotta oriente-occidente che si estende dallo Stretto di Gibilterra al Canale di Suez ed è principalmente un hub di trasbordo, collegando le reti globali e regionali che attraversano il Mediterraneo.
Le origini progettuali del porto di Gioia Tauro sono riportabili alla confusa situazione politico-programmatica determinatasi in Calabria all'inizio degli anni Settanta (fatti di Reggio) che prevedeva l'assegnazione della sede del capoluogo della costituenda regione a Catanzaro ... L'area costiera della Piana di Gioia Tauro, tradizionalmente coltivata ad agrumi e ad oliveti, venne designata come sito adatto ospitare il porto del progettato polo siderurgico di Reggio Calabria (che sarebbe divenuto il quinto centro siderurgico italiano ma che non fu mai realizzato, al pari di altri progetti inclusi nel cosiddetto pacchetto Colombo).
Il progetto era stato elaborato come "misura compensativa" rispetto alla mancata assegnazione della sede del capoluogo a Reggio. In quella circostanza, l'allora presidente del consiglio dei ministri Emilio Colombo inserì nel suo pacchetto l'insediamento del quinto centro siderurgico a Reggio, la Liquichimica di Saline e la SIR di Lamezia Terme.
La crisi della siderurgia fece naufragare il progetto del centro siderurgico, mentre la Liquichimica di Saline Joniche non entrò praticamente in funzione. L'area di Gioia Tauro venne in seguito designata come sede di una nuova centrale elettrica ENEL a carbone anch'essa mai realizzata. L'area portuale interessata dai lavori, incompleti, fu infine ridestinata a grande porto commerciale nel 1994, in seguito all'idea del fondatore del Gruppo Contship Italia, Angelo Ravano.
Lo sviluppo e la trasformazione in scalo globale di transhipment comportò l'istituzione di una Capitaneria di Porto, di una sede doganale, della Guardia di Finanza, di Vigili del Fuoco e di un posto di Polizia di Stato.




Rinascita di Zendikar...

Dal 25 settembre nel circuito analogico. Al centro del disordine c’è Omnath, Il Genesilocus, che accompagnato da Cobra del Loto e dal recentemente bandito Uyro, Titano dell’Ira della Natura di Theros: Oltre la Morte ha monopolizzato il metagioco con tornei costantemente dominati dall’ormai famigerato mazzo a quattro colori con Omnath.

Le parole del CEO di Ubisoft...

Ritardi e tagli per i nuovi giochi PS5 e Xbox? Nell'ultimo articolo che Jason Screier ha fatto sul New York Times sono emersi molti spunti di riflessione sulle conseguenze che il Coronavirus sta apportando all'industria dei videogiochi. Tra gli argomenti del CEO di Ubisoft c'è la possibilità del rinvio dei giochi per PS5 e Xbox Series X..

Predator Hunting Grounds...

Alieni e soldati combattono nel video di lancio . Al termine del weekend di prova gratuita di Predator Hunting Grounds e a pochi giorni dall'uscita del titolo su PC e PS4, gli autori di Illfonic pubblicano il trailer di lancio dell'action multiplayer di Predator.

Non solo cronaca




Rocket Languages...

Rocket Languages.
Cosa ottieni con il metodo linguistico di Rocket Languages?

I corsi Rocket ti permettono di imparare tutte le lingue straniere che desideri conoscere dal livello principiante al livello esperto.

Converserai con persone che parlano queste lingue in pochissimo tempo.

Cosa aspetti a creare il tuo account "free" sul sito di Rocket Languages

Visita il sito di Rocket Languages

Padroneggia l' Americano
Impara l' Arabo
Parla come un Brasiliano
Alla scoperta del Cinese
Studia il Coreano
A scuola di Francese
Scopri il Giapponese
Impara e/o perfeziona l' Indi
Il tuo corso d' Inglese
Quello che non sai dell' Italiano
Dal livello principiante al livello esperto di Tedesco

Libreria Vanni...

New York. Riapre a New York la prima libreria italiana d'America, Vanni. Era stata fondata dal siciliano Sante Fortunato che alla fine dell'Ottocento l'aveva creata con l'idea di vendere dizionari ai tanti immigrati che arrivavano nel Nuovo Continente.

Da fine gennaio, grazie al sostegno del Centro Primo Levi, Vanni ha ripreso vita nella stessa palazzina di Greenwich Village, nel cuore di Manhattan.

Vanni nella sua libreria vendeva i classici italiani, e inoltre dizionari, manuali, calendari, cartoline, si occupava di corrispondenza privata e commerciale, e offriva servizi di scrivano per i tanti immigrati analfabeti che volevano scrivere a casa.

Non era cosa da poco nella New York di quegli anni là, così lontana dall’Italia e che già cominciava a diventare il centro del mondo. Se vogliamo, la libreria Vanni era un centro culturale italiano e al tempo stesso un centro di servizi per le centinaia di migliaia di immigrati che continuavano ad arrivare.

Il Museo di Volandia...

Milano. Dal recupero delle storiche Officine Aeronautiche Caproni fondate nel 1910 a Malpensa nasce Volandia. Un Parco e Museo dedicato al SOGNO DEL VOLO: oltre 60.000 mq. di pura archeologia industriale a dieci minuti a piedi dal Terminal 1 e dalla stazione del Malpensa Express.

Un tuffo nella storia dell’aeronautica e dello spazio per una gita indimenticabile che inizia già dal viaggio e dal passaggio in aeroporto.

Sono ben 11 le aree del museo: dai voli pioneristici in mongolfiera fino al Convertiplano, perfetta fusione tra volo orizzontale e verticale.

Tante emozionanti ambientazioni, sale video, un planetario didattico ed un padiglione interamente dedicato allo spazio. Ampie aree giochi anche al coperto e per i più grandi una sezione simulatori di volo. Tutto questo a soli 30 minuti da Milano!




Offerte di lavoro...

Centro per l'impiego di Rossano
Il Centro per l'Impiego di Rossano è alla ricerca di un addetto alle vendite
Posizioni Aperte:
... La posizione aperta è relativa ad addetto alle vendite. Vuoi sapere di più? Segui il link:


Lamezia Terme.
AZIENDA IMPIANTI ELETTRONICI DEL LAMETINO ricerca "Collaudatore Installatore Impianti Radiomobili (BTS)" ... Mansioni da svolgere: Montaggio, collaudo, dismissione apparati radiomobili, attività di installazione e collaudo dei sistemi radiomobili.
Si richiede età 25-35 anni, esperienza maturata nel settore dei collaudi e nei lavori in quota con relativa documentazione.
Si offre contratto metalmeccanico piccola industria.
Per aderire inviare il proprio cv con autorizzazione al trattamento dei dati personali all'indirizzo avag.info@gmail.com .
Vuoi sapere di più? Segui il link:


Cosenza.
L’Azienda Mi’Ndujo , ricerca personale da inserire nel proprio organico.
Sarà possibile lavorare in un ambiente consolidato e in continua espansione che valorizza concrete opportunità di carriera e di crescita professionale con una particolare attenzione a coltivare i propri talenti, oltre alle competenze tecniche anche attraverso una formazione mirata e costante. Il tutto retribuito in maniera ottimale commisurata alle capacità dimostrate sul campo.
... La selezione attualmente è aperta per tutti e tre i punti vendita:
Rende – centro commerciale Metropolis,
Piazza Bilotti – Cosenza
e Quattromiglia – Marconi.

I Profili ricercati devono rispecchiare queste Caratteristiche:
Dedizione nel raggiungere i propri obbiettivi.
Puntualità e massima disponibilità di fascia oraria.
Buona gestione dello stress.
Alta Propensione al Lavoro di Squadra.
Forte Motivazione e Interesse per lo sviluppo di Conoscenze e Competenze.
Preferibilmente di zone limitrofe
(Astenersi perditempo)
Le Posizioni Richieste:
Addetto alla produzione
Contratto di lavoro: Tempo pieno
Vuoi sapere di più? Segui il link:


Catanzaro.
ETEREA SRL Per la sede in nuova apertura in Catanzaro, in forte crescita, siamo alla ricerca di un DIGITAL MARKETING MANAGER
Il candidato scelto si occuperà della parte relativa alla pubblicità dell’azienda quindi dell’aspetto comunicativo e pubblicitario. Il candidato selezionato avrà le seguenti responsabilità:
-si occuperà della grafica creativa a fini promozionali;
-si occuperà della gestione delle campagne di comunicazione;
-si occuperà delle strategie di marketing e comunicazione in generale. Sirichiede: Residenza in Catanzaro o provincia, Stato di inoccupazione e disponibilità e immediata.
Si offre regolare inquadramento con contratto iniziale a tempo determinato e retribuzione mensile fissa. Allegare CV e recapito telefonico mobile a http://www.centroeterea.com/

Understanding Comics...

Boston. L'autore della celebre serie "fumettistica" di Understanding Comics ossia Scott McCloud , 54enne di Boston, nel 1993 ha realizzato un libro di 224 pagine in bianco e nero (con una sezione di 8 pagine a colori) dal titolo appunto "Understanding Comics - The Invisible Art".
Comprendere il fumetto, questo è il titolo in italiano, è stato tradotto in 16 lingue e le sue idee sono state applicate in altri campi come la progettazione di giochi, l'animazione, lo sviluppo web e la progettazione di interfacce. Vincitore del premio Harvey ed Eisner, del premio Alph'art ad Angoulême, ecc.

Gli argomenti includono:

Definizioni, storia e potenziale.
Iconografia visiva e suoi effetti.
Chiusura, partecipazione del lettore tra i panel.
Dinamica dell'immagine-parola.
Tempo e movimento.
La psicologia degli stili di linea e del colore. Fumetti e processo artistico.

Understanding Comics is a wide-ranging exploration of the definition, history, vocabulary, and methods of the medium of comics. An attempt to formalize the study of comics, it is itself in comics form.

The book's overarching argument is that comics are defined by the primacy of sequences of images. McCloud also introduced the concept of "closure", to refer to a reader's role in closing narrative gaps between comics panels. The book argues that comics employ nonlinear narratives because they rely on the reader's choices and interactions.

The book begins with a discussion of the concept of visual literacy and a history of narrative in visual media. McCloud mentions, among other early works of graphic narrative, Uhe Bayeux Tapestry, as an antecedent to comics. Understanding Comics posits Swiss caricaturist Rodolphe Töpffer as in many ways "the father of the modern comic." McCloud emphasizes Töpffer's use of "cartooning and panel borders" along with "the first interdependent combination of words and pictures seen in Europe."

Sudan il Bianco...

Ol Pejeta. Il suo nome era Sudan ed è l'ultimo rinoceronte settentrionale bianco di sesso maschile che era rimasto sulla faccia della Terra. L’ultimo individuo maschio di rinoceronte bianco settentrionale è, infatti, morto il 19 marzo 2018 in Kenya, nella riserva di Ol Pejeta Conservancy.

Aveva 45 anni ed era malato da tempo, tanto che è stato necessario praticare l’eutanasia all’animale per evitargli ulteriori sofferenze. Ora della sottospecie restano solo 2 femmine, anch’esse anziane. La sottospecie è segnata.

La scomparsa di Sudan non puo non essere un momento di attenta riflessione sulla gravissima crisi della biodiversità e la perdita di specie che il pianeta sta subendo.

La morte di Sudan segna non solo la fine della strada per una delle 5 sottospecie, ma è anche il simbolo della inaccettabile velocità con cui stiamo perdendo la biodiversità del nostro pianeta. La nostra azione ha amplificato forse anche di 1.000 volte il normale tasso di estinzione delle specie sulla Terra, tanto che gli scienziati parlano ormai di sesta estinzione di massa.

Sudan (1973 – 19 March 2018) was a captive northern white rhinoceros (Ceratotherium simum cottoni) that lived at the Dvůr Králové Zoo in the Czech Republic from 1975 to 2009, and the rest of his life at the Ol Pejeta Conservancy in Laikipia, Kenya.

At the time of his death, he was one of only three living northern white rhinoceroses in the world, and the last known male of his subspecies. Sudan was euthanised on 19 March 2018, after suffering from "age-related complications".

Turismo in Calabria!

In Calabria

"Dove Mangiare in Calabria" e "Dove Dormire in Calabria" sono due delle tre finestre che Calabria & Turismo dedica a tutte le attività e/o imprese che hanno voglia di distinguersi nel panorama turistico regionale e nazionale nell'ambito della ristorazione e accoglienza calabrese, dimostrando di prestare attenzione alle esigenze dei clienti e turisti italiani e stranieri, offrendo elevati standard qualitativi e ottime doti di serietà, professionalità e ospitalità. L'altra finestra che s'intitola "Cosa Visitare in Calabria" si occuperà, di volta in volta, di farvi scoprire gli angoli più belli e caratteristici della nostra Regione!


Circumnavigando

Coast to Coast

Viaggio lungo le coste "tirrenica" e "ionica" della Calabria verso le spiagge...

Viaggio verso i Mari del Sud

On the Road

On the Road parla oggi di Scilla: tra mitologia, storia, leggenda e poetiche immagini alimentate...

In cerca di Miti e Leggende

Time Out

Time Out si occupa questa settimana di due antichi borghi calabresi: Oriolo e Chianalea...

Su e giù per le Strade del Tempo

In Evidenza

"Settembre al Parco" anche quest'anno ha portato la grande musica a Catanzaro...

Farsi cullare dalle Note del Cuore

Escursioni

Il parco Nazionale dell'Aspromonte è un'area naturale protetta in provincia di Reggio...

A passeggio tra le Vie della Natura

Itinerari

Itinerando in Calabria da Tropea a Scilla, sulla costa tirrenica, fino ad arrivare sui rilievi...

Alla scoperta della Magna Grecia
client
client
client
client
client
client

100000+ Visite